Rogo in Germania, un bimbo salvo dopo il volo dal quarto piano

Tremendo rogo a Ludwigshafen in Germania. Un intero palazzo è andato a fuoco durante i festeggiamenti del Carnevale, imprigionando i suoi abitanti in un inferno di fiamme e fumo, aggravato dal crollo della scala in legno, unica possibile via d’uscita. Lo zio di un bambino di nove mesi si è trovato di fronte alla più

di elvezio

Tremendo rogo a Ludwigshafen in Germania. Un intero palazzo è andato a fuoco durante i festeggiamenti del Carnevale, imprigionando i suoi abitanti in un inferno di fiamme e fumo, aggravato dal crollo della scala in legno, unica possibile via d’uscita.

Lo zio di un bambino di nove mesi si è trovato di fronte alla più terribile delle decisioni, quale nessuno si augura mai di dover affrontare in vita: lasciar cadere il nipotino dal quarto piano sperando che il poliziotto a terra riesca ad afferrarlo oppure tenerlo stretto asperando che quei polmoni appena formati riescano a reggere calore e mancanza d’ossigeno?

Alla fine Kamil Kaplan, contro il volere del resto della famiglia, ha lanciato suo nipote dalla finestra: “Ho guardato fisso il poliziotto negli occhi e ho capito che potevo fidarmi di lui”. E infatti il bimbo gode di ottima salute, uno dei pochi fortunati di questa vicenda che vede ben nove vittime, di cui cinque molto giovani, compreso il fratello di due anni dell’infante tratto in salvo.

L’evento è ancora troppo recente per poter trarre qualche conclusione precisa ma non si esclude la possibilità dell’incendio doloso: il palazzo ospitava parecchie famiglie di origine turca ed era già stato bersagliato da bombe molotov due anni fa all’interno della continua escalation di attentati di matrice razzista opera dei vari gruppi neo-nazisti che operano con sempre maggiore furia e crudeltà in Germania e nazioni confinanti.

Fonte: CNN