Mangiarotti Nuclear, botte agli operai. Il sequel dei manganelli contro L’Aquila?

Ieri davanti alla Prefettura di Milano il corteo degli operai della Mangiarotti Nuclear che stavano protestando è stato caricato dagli agenti in tenuta antisommossa e cinque lavoratori sono rimasti feriti. Un episodio molto inquietante che avviene il giorno dopo le manganellate ai cittadini de L’Aquila che stavano protestando a Roma. Un delegato Fiom della Rsu dello stabilimento milanese ha denunciato l’episodio, ma dalla Questura smentiscono

Ieri davanti alla Prefettura di Milano il corteo degli operai della Mangiarotti Nuclear che stavano protestando è stato caricato dagli agenti in tenuta antisommossa e cinque lavoratori sono rimasti feriti. Un episodio molto inquietante che avviene il giorno dopo le manganellate ai cittadini de L'Aquila che stavano protestando a Roma.

Un delegato Fiom della Rsu dello stabilimento milanese ha denunciato l'episodio, ma dalla Questura smentiscono le cariche e parlano di"azioni di contenimento" perchè i manifestanti non si sarebbero fermati nel punto prestabilito.

Ne ha parlato anche Luciano Muhlbauer sul suo blog.

Rosario Schiettini della Fiom ha spiegato:

"Il percorso del corteo era stato autorizzato, ma all'imbocco di corso Monforte uno schieramento di forze dell'ordine ci ha impedito di arrivare fino al portone della Prefettura. Sono partite le cariche e cinque operai sono stati colpiti dalle manganellate: uno di loro è stato portato via in ambulanza".

Continua a leggere su Milano2.0