L’Aquila protesta a Roma, la foto del sangue: quel che Tg5 e Tg1 non dicono

Ieri abbiamo assistito in diretta con le immagini di SkyTg24 al corteo degli aquilani scesi a Roma per protestare contro il pagamento delle tasse, delle rate di mutui, l’emergenza abitativa e la disoccupazione dilagante a causa del sisma di 14 mesi fa. Hanno ottenuto parte di quanto hanno chiesto: infatti, come scrive Il Tempo, Gianni Letta, d’accordo con Giulio Tremonti, hanno

Ieri abbiamo assistito in diretta con le immagini di SkyTg24 al corteo degli aquilani scesi a Roma per protestare contro il pagamento delle tasse, delle rate di mutui, l'emergenza abitativa e la disoccupazione dilagante a causa del sisma di 14 mesi fa. Hanno ottenuto parte di quanto hanno chiesto: infatti, come scrive Il Tempo, Gianni Letta, d'accordo con Giulio Tremonti, hanno annunciato di volere presentare un emendamento alla manovra per ripartire il pagamento su 10 anni anziché su 5 come attualmente dispone la norma approvata in Commissione

Dopo i colpi di manganello che hanno fatto il giro del mondoRiccardo Spiga di Teleipnosi ci regala la rassegna dei tg italiani che, come sospettavamo, hanno volentieri relegato la notizia in brevi e polverosi anfratti dei loro 30 minuti di informazione. Il Tg5 delle 13 apre con la manifestazione degli aquilani ma la liquida in pochi minuti presentandola come una specie di gita a Roma di un migliaio di persone (in realtà i partecipanti sono almeno il quintuplo) che non si capisce bene perché e contro chi protestino.

Il Tg1 di Minzolingua però riesce a fare ancora di meglio: la protesta dei terremotati sparisce dai titoli del notiziario e viene data solo venti minuti dopo, tra le notizie sul gossip e lo sport. In serata, nell'edizione delle 20, Minzo inserisce finalmente la notizia tra i titoli (dopo averci informato che nel nostro Paese la crescita economica è più forte che mai, alzi la mano chi se n'è accorto) e racconta in modo sbrigativo ma tutto sommato onesto gli eventi della mattina.

Continua a leggere su Teleipnosi.