Irlanda, giustizia sul Bloody Sunday: la Saville Inquiry dopo 38 anni

Di Emanuele Ricci   “Un grande giorno per la giustizia, un grande giorno per Derry”. Questa la prima dichiarazione del leader dello Sinn Fein, Martin McGuinness. Queste parole piene di speranza sono dovute alla pubblicazione della Saville Inquiry, l’inchiesta che, dopo 38 anni, fa finalmente luce sugli avvenimenti del 30 gennaio 1972, giorno in cui 13 civili, di cui

Di Emanuele Ricci  

"Un grande giorno per la giustizia, un grande giorno per Derry". Questa la prima dichiarazione del leader dello Sinn FeinMartin McGuinness.

Queste parole piene di speranza sono dovute alla pubblicazione della Saville Inquiry, l'inchiesta che, dopo 38 anni, fa finalmente luce sugli avvenimenti del 30 gennaio 1972, giorno in cui 13 civili, di cui la maggior parte minorenni, vennero uccisi dai parà inglesi intervenuti durante la marcia per i diritti civili che si stava svolgendo a Derry, Irlanda del Nord.

Il giorno che prese il nome di Bloody Sunday, da cui la famosa canzone degli U2, doveva rappresentare uno dei momenti più importanti all'interno della lotta per i diritti civili in Irlanda del Nord, in anni in cui i cittadini di origine irlandese venivano ostracizzati sia nella vita privata che in quella pubblica, esclusi dai posti di lavoro ed emarginati agli angoli della società.

Continua a leggere su LanarkWay