Festival di Internazionale 2012 a Ferrara: il programma di sabato 5 ottobre, con Mitchell Baker

Tutti gli appuntamenti di oggi al Festival del giornalismo di Ferrara.

di

Dopo la lunga conferenza stampa di oggi, Ferrara si prepara ad ospitare la prima delle tre densissime giornate del Festival di Internazionale 2012 che, come ricordavamo, avrà quattro assi portanti per la sua narrazione: la crisi (come opportunità), le donne, il futuro dell’informazione e il Medio Oriente.

Fittissimo, il programma degli incontri. Vediamo quello della prima giornata, dal quale occorre per forza emergere facendo delle scelte. C’è l’incontro Uscita d’emergenza alle 11.30, sulla crisi, la tecnocrazia e il governo tecnico visti dall’estero; c’è un approfondimento sulla situazione a Damasco, ma anche il punto sul modo in cui Twitter ha cambiato l’informazione (quasi contemporaneamente, purtroppo). C’è una tavola rotonda sulle infiltrazioni mafiose in Emilia Romagna e Benvenuti a Narcolandia, sui nuovi mercati della droga. C’è un incontro tutto al femminile sulle protagoniste silenziose della primavera araba (un incontro che mette insieme due dei quattro filoni del Festival), c’è La crisi è un’opportunità alle 17, con due economiste che parlano di possibili nuovi modelli economici. Poi l’informazione e i dati sul web in Giù le mani dalla rete, con Mitchell Baker, quindi Resistenza creativa. E molto, molto altro (questa è la mia personalissima selezione).

Vediamolo, dunque, il programma completo, diviso per aree tematiche.

Rubriche

Evento di Apertura. Si comincia alle 10.30 al Cinema Apollo, con l’inaugurazione e la presentazione del Festival, cui seguirà la consegna del premio giornalistico dedicato alla memoria di Anna Politkovskaja, giunto alla sua quarta edizione.
Quest’anno, il premio viene assegnato a Carlos Dada, direttore di El Faro, quotidiano di El Salvador. L’evento è in spagnolo, con traduzione simultanea.

Nel Mondo. Alle 15. Nel Chiostro di San Paolo: Nel mondo – Rassegna stampa internazionale, a cura di Internazionale in collaborazione con Presseurop.

Medio Oriente. Alle 16.30 al Cinema Apollo, un incontro per capire la primavera araba da un punto di vista inedito: La rivoluzione silenziosa delle donne. Partecipano: Gameela Ismail (giornalista egiziana), Manal Al Sharif
(attivista saudita), Azadeh Moaveni (giornalista di origine iraniana), Ghada Ghazal (ricercatrice e attivista siriana), con l’introduzione e la moderazione di Francesca Caferri (La Repubblica). Si entra col tagliando.

Punti di vista. Alle 16.30 al Palazzo Tassoni, Piccole patrie, Lingue e nazionalismi in Europa, con Diego Marani (Commissione europea), Rossend Domenech (El Periodico, Spagna), Francesca Spinelli (Myeurop.info, Belgio), Julia Sarkozy (Magyar Rádió, Ungheria). Modera Andrea Pipino, Internazionale.

Protagonisti. Alle 17, al Cinema Apollo, incontro con il designer israeliano Noma Bar

Protagonisti. Alle 17.30 al Chiostro Piccolo di S.Paolo, Da vicino nessuno è normale, incontro con Julio Villanueva Chang (direttore di Etiqueta Negra).

Informazione. Alle 19.00, al Chiostro piccolo di S. Paolo, Il tg del Post, con Luca Sofri e altri ospiti. Ovvero: cos’è successo, oggi, metre eravate al Festival.

Italieni. Alle 20.30 al Museo Archeologico Nazionale, il documentario 18 Ius soli, di Fred Kudjo Kuwornu. A seguire, incontro con il regista, Michael Braun (Die Tageszeitung), Luisa Ciffolilli (Internazionale) e i ragazzi della redazione di Occhioaimedia

Portfolio. Alle 22.30, Museo Archeologico Nazionale, la proiezione fotografica Oltre lo sguardo, a cura di Christian Caujolle, photo editor e critico francese

Incontri

In diretta. Alle 11, al cortile del castello, Anna Maria Giordano, di Radio3Mondo, intervista, nel Cortile del castello, David Carr (The New York Times), Philip Gourevitch (The New Yorker), JoAnn Wypijewski (The Nation)

Visti dagli altri. Alle 11.30, sempre al Cinema Apollo, c’è l’incontro moderato da Corrado Formigli (il conduttore di La7) dal titolo Uscita d’emergenza (L’Italia tra governo dei tecnici e antipolitica). Partecipano: Michael Braun (Die Tageszeitung), John Foot
storico britannico, Eric Jozsef (Libération), Rachel Donadio (The New York Times). Al centro del dibattito, la crisi, la soluzione italiana e il modo in cui la stessa viene raccontata all’estero. Una visione interessante e inedita sul nostro paese.

Siria. Alle 14.00, al Teatro comunale, l’incontro Cosa succede a Damasco, per capire la crisi siriana. Partecipano: Salam Kawakibi (Arab Reform Initiative), Jon Lee Anderson (The New Yorker), con introduzione e moderazione di Marc Saghie (Courrier International). Si entra con tagliando.

Informazione. Alle 14.30, al Cinema Apollo, Me l’ha detto l’uccellino, ovvero Come Twitter e i social media hanno cambiato il giornalismo. Partecipano: Sultan Al Qassemi (giornalista degli Emirati Arabi Uniti), Lee Marshall (giornalista britannico), Marina Petrillo di Radio Popolare,
David Randall (Independent on Sunday), con introduzione e moderazione di Luca Sofri de Il Post.

Italia. Alle 15, alla Sala Estense c’è A nord della mafia, tavola rotonda sulle infiltrazioni criminali in Emilia Romagna e nel settentrione. Con Giovanni Tizian della Gazzetta di Modena, Marco Magri (Università di Ferrara), Roberto Pennisi (sostituto procuratore Direzione nazionale antimafia), introdotti e moderati da Jacopo Zanchini (Internazionale). L’incontro è a cura del progetto Ferrara Città solidale e sicura, Comitato scientifico festa della legalità.

America Centrale. Alle 16.00, nel Teatro Comunale c’è Benvenuti a Narcolandia – Le nuove rotte del traffico di droga. Con il premiato Carlos Dada, Diego Enrique Osorno, giornalista messicano, autore di La guerra de los Zetas, Cynthia Rodriguez, giornalista messicana, autrice di Contacto en Italia. Tonio Dell’Olio, di Libera, introduce e modera. Ingresso con tagliando

In diretta. Alle 17.00 al Cortile del Castello, La crisi è un’opportunità. Diretta con Radio3Mondo. Jayati Ghosh (Jawaharlal Nehru University),
Mariana Mazzucato (Sussex University), Conduce Anna Maria Giordano, Rai – Radio3Mondo

Mafie. Alle 17.30 in Piazza Municipale, Semi di libertà. L’esperienza delle cooperative sui terreni confiscati, con Luigi Ciotti (Libera),
Gianluca Faraone (Consorzio Libera Terra Mediterraneo), Carolina Girasole (sindaco Isola Capo Rizzuto), Gianpiero Calzolari (Agenzia Cooperare con Libera Terra). Santo Della Volpe (Tg3) introduce e modera.

Tecnologie. Alle 18.30 al Cinema Apollo, Giù le mani dalla rete, ovvero L’accesso a informazioni e dati al tempo del capitalismo digitale, con Mitchell Baker (presidente Mozilla Foundation), Geert Lovink (Università di Amsterdam), Pierfrancesco Romano (Internazionale).

Africa. Alle 18.30 al Teatro Comunale, Ruanda, scrivere il genocidio. Con Abdourahman Waberi (scrittore franco-gibutiano, autore di Mietitura di teste) e Philip Gourevitch (autore di Desideriamo informarla che domani verremo uccisi con le nostre famiglie), Wojciech Tochman (autore di Oggi ci avviciniamo alla morte). Introduzione e moderazione di Marino Sinibaldi Rai – Radio3
Si entra col tagliando.

Siria. Alle 21.00 allo Zuni, Resistenza creativa, Possibilità e limiti dei movimenti non violenti in tempo di guerra. Donatella Della Ratta,
esperta di media arabi e Orwa Al Mokdad, scrittore siriano.

Mondoascolti

Alle 15.00 Nel Cortile del Castello, Nell’inferno delle baraccopoli. Il fotoreporter Stanley Greene presenta Urban Survivors, una mostra di Noor per Msf
con Enrico Paganelli (chirurgo di Msf). Modera Edoardo Vigna del Corriere della Sera.

Introdotti da Johnatan Zenti e Anna Maria Giordano iniziano gli audiodocumentari. Alle 19, al Cinema Apollo.

Kidnap Radio, di Annie Correal
prodotto da Jay Allison, Transom.org 2009
Durata: 20 minuti

I libri

Alle 16.30, al Chiostro di San Paolo, Francesco Fasiolo presenta Italia da fumetto, con Stefania Mascetti (Internazionale).

Alle 17.00, nella Sala degli Stemmi del Castello estense, Barbara Baraldi, Alessandro Bergonzoni, Daria Bignardi, Guido Conti, Ugo Cornia leggono brani di: Alzando da terra il sole. Parole per l’Emilia, con introduzione di Beppe Cottafavi. Dalla vendita del volume, i finanziamenti per la ricostruzione della biblioteca di Mirandola, danneggiata dal terremoto.

Alle 17.30 al Museo Archeologico Nazionale, Wu Ming 2 e Antar Mohamed presentano Timira, con Igiaba Scego, scrittrice italosomala.

Alle 18.00, al Chiostro di S. Paolo, Alfredo Macchi presenta Rivoluzioni S.p.A., con Giuliano Milani

Alle 19.00, allo Zuni, Teresa Sdralevich presenta Nononsense. Front line drawings, con Alberto Notarbartolo (Internazionale)

Alle 20, al Chiostro di San Paolo, Vasco Brondi e Andrea Bruno presentano Come le strisce che lasciano gli aerei, con Daria Bignardi, La7

Spettacoli

Mondovisioni. Ore 12

Reportero
di Bernardo Ruiz
Stati Uniti/Messico 2012, 72′
In spagnolo e inglese con sottotitoli in italiano
Anteprima europea (rassegna Mondovisioni)
Ingresso 3 euro

Mondovisioni. Ore 14.00

The Brussels business
di Friedrich Moser e Matthieu Lietaert
Belgio/Austria 2012, 85′
In inglese con sottotitoli in italiano
Anteprima italiana (rassegna Mondovisioni)

A seguire incontro con il regista Friedrich Moser.
Interviene Anguel Beremliysky
Commissione europea – Rappresentanza in Italia
In italiano.
Ingresso 3 euro

Mondovisioni. 16.15 CINEMA BOLDINI

The ambassador
di Mads Brügger
Danimarca 2011, 97′
In inglese, francese, danese e sango con sottotitoli in italiano
Anteprima italiana (rassegna Mondovisioni)
Ingresso 3 euro

Mondovisioni. 18.30 CINEMA BOLDINI

Tomorrow
di Andrey Gryazev
Russia 2012, 100′
In russo e inglese, sottotitoli in italiano
Anteprima italiana (rassegna Mondovisioni)
Ingresso 3 euro

Documentario 19.30 SALA ESTENSE

Access to the danger zone
un documentario di Peter Casaer
In inglese con sottotitoli in italiano
Introduce
Sergio Cecchini
direttore comunicazione Msf Italia

Mondovisioni. 20.30 CINEMA BOLDINI
High tech, low life
di Stephen Maing
Stati Uniti/Cina 2012, 87′
In cinese e inglese con sottotitoli in italiano
Anteprima italiana (rassegna Mondovisioni)
Ingresso 3 euro

Teatro. 21.30 PIAZZA CASTELLO
Poeti all’Avana
Spettacolo d’improvvisazione musicale e poesie in decima rima dei poeti cubani
Luis Quintana
Héctor Gutiérrez
accompagnati da David Riondino
In italiano e spagnolo

A seguire David Riondino
presenta il documentario Shakespeare in Avana,
Italia 2011, 68’
In spagnolo con sottotitoli in italiano
In collaborazione con il Cospe

Cinema 21.30 CINEMA APOLLO

Professione reporter
di Michelangelo Antonioni
Italia 1975, 119’
Proiezione straordinaria nel centenario della nascita del regista
Introduce Dominique Païni,
ex direttore della Cinémathèque française
e curatore della mostra
Lo sguardo di Michelangelo Antonioni e le arti
(Palazzo dei Diamanti, marzo/giugno 2013)
Ingresso con tagliando

Mondovisioni. 22.30 CINEMA BOLDINI

We are legion: the story of the hacktivists
di Brian Knappenberger
Stati Uniti 2012, 91’
In inglese con sottotitoli in italiano
Anteprima italiana (rassegna Mondovisioni)
Ingresso 3 euro

TED Sci-tech frontiers

Leit motiv di tutto il Festival, le selezioni dalle conferenze TED, proiettate al Cinema Apollo.

Ore 15.00 Una selezione degli speaker di TED, in video
William Noel, conservatore di libri rari
Revealing the lost codex of Archimedes (15′)
Massimo Banzi, ideatore del microprocessore Arduino
How Arduino is open-sourcing imagination (16′)
Lisa Harouni, cofondatrice di Digital Forming
A primer on 3D printing (15′)
Vijay Kumar, ingegnere robotico
Robots that fly… and cooperate (17′)
Mike Biddle, imprenditore
We can recycle plastic (11′)
Hasan Elahi, artista
Fbi, here I am! (14′)
In inglese con sottotitoli in italiano
Durata totale: 90 minuti (Sala 4)

Bambini

Alle 15.30, alla Casa di Biagio Rossetti, Foto, gioco e fantasia, un laboratorio fotografico per bambini, a cura dell’Associazione culturale Wide Shut Photography e di Marco Caputi, Cooperativa Diversamente, fino alle 17.30.