Si riapre il carcere per Vanna Marchi: la Cassazione conferma la condanna

Confermati i 9 anni a sei mesi di reclusione per la teleimbonitrice Vanna Marchi per associazione a delinquere finalizzata alla truffa. Lo ha deciso la Cassazione, confermando il verdetto emesso il 7 marzo dello scorso anno. Stessa sorte è toccata anche alla figlia della donna, che dovrà invece scontare 9 anni, 4 mesi e 9


Confermati i 9 anni a sei mesi di reclusione per la teleimbonitrice Vanna Marchi per associazione a delinquere finalizzata alla truffa. Lo ha deciso la Cassazione, confermando il verdetto emesso il 7 marzo dello scorso anno.

Stessa sorte è toccata anche alla figlia della donna, che dovrà invece scontare 9 anni, 4 mesi e 9 giorni.

Hanno già scontato un anno e cinque mesi e, come riporta il Resto del Carlino:

gli ultimi tre anni di pena possono essere scontati con l’affidamento in prova ai servizi sociali o con la concessione del lavoro esterno. In concreto pertanto Vanna Marchi dovrebbe restare in carcere 2 anni e 4 mesi.

Dovranno inoltre risarcire le vittime delle loro truffe per una somma complessiva di circa 2 milioni e 300 mila euro.

Via | Il Resto del Carlino