Gregoraci, l’angoscia di Nathan Falco senza yacht: colletta su Facebook per il piccolo Briatore

Il dolore per le giovani mamme non finisce mai. Ieri abbiamo scritto su Blogosfere Cronaca e Attualità dell’incredibile shock che ha colpito Elisabetta Gregoraci e il figlioletto Nathan Falco: Orrore a corte: Elisabetta Gregoraci, madre da due mesi del piccolo Nathan Falco, è arrabbiata. Tutta colpa della Guardia di Finanza, che, come scrive il Corriere, ha sequestrato il gioiellino Force Blue: “Le fiamme gialle

Il dolore per le giovani mamme non finisce mai. Ieri abbiamo scritto su Blogosfere Cronaca e Attualità dell'incredibile shock che ha colpito Elisabetta Gregoraci e il figlioletto Nathan Falco:

Orrore a corte: Elisabetta Gregoraci, madre da due mesi del piccolo Nathan Falco, è arrabbiata. Tutta colpa della Guardia di Finanza, che, come scrive il Corriere, ha sequestrato il gioiellino Force Blue"Le fiamme gialle hanno preso in consegna lo yacht a tre piani con spa e piscina al termine di un'inchiesta che va avanti da un anno: l'accusa è di evasione di quattro milioni di euro sull'imbarcazione più le accise sul carburante per altri 800 mila euro". 

La compassione per la famiglia al largo ci spinge a seguire le evoluzioni della ridicola vicenda che anche oggi occupa la homepage del Corriere della Sera. Sentite:  

«Da quando siamo stati costretti ad abbandonare il nostro yacht il piccolo Nathan Falco piange spesso, non è più tranquillo e sereno come prima».

Elisabetta Gregoraci, in un'intervista al settimanale Diva e donna, parla di quello che definisce un «terribile incubo» vissuto dopo il sequestro da parte della Guardia di finanza dello yacht "Force Blue" sul quale viveva con il figlio di due mesi e il marito Flavio Briatore, ora indagato per contrabbando e frode fiscale.

«Il nostro bambino è quello che ha risentito di più di questa situazione, di questo brusco cambiamento – spiega la ex showgirl -. Da quando siamo usciti dalla clinica di Nizza dove ho partorito, ha vissuto a bordo dello yacht: ora non è più tranquillo e sereno come prima, sente la mancanza della sua cameretta bianca, dei suoi spazi, che lo hanno protetto fin dai primi giorni». 

I commenti sono del tutto superflui e sospettiamo che lo shock della signora Briatore derivi dalla divisa delle Fiamme Gialle che, mal gliene incolga, non erano di Roberto Cavalli. Davanti all'indignazione per cotante lamentele, su Facebook è nato il gruppo che vedete sopra che, con gli stessi toni della mamma allarmata, si descrive così:

Come si può lasciare un bambino lontano dal suo Yacht? Come si può essere così insensibili da sequestrare l'imbarcazione di un uomo in grosse difficoltà finanziarie, con il figlioletto a bordo e costringere la povera creatura a traslocare in quello schifo di Hotel Imperiale di Forte dei Marmi?  

Geniale.