Scherma, Mondiali Kazan 2014, fioretto maschile: Avola migliore degli azzurri, ma fuori agli ottavi

Cassarà è uscito ai sedicesimi e Aspromonte e Baldini ai trentaduesimi.

Purtroppo, proprio come agli Europei, a livello individuale gli azzurri del fioretto maschile sono andati male. Nella gara di oggi il migliore è stato Giorgio Avola, l’unico costretto a iniziare i Mondiali dalle qualificazioni, che mercoledì scorso ha superato il suo girone con sei vittorie e nessuna sconfitta. Oggi il finanziere di Modica ha vinto contro il brasiliano Toldo Guilherme 15-9 nel tabellone dei 64, poi ha sconfitto il giapponese Yuki Ota, argento alle Olimpiadi di Pechino 20108, per 15-11, ma agli ottavi è stato battuto per 15-7 dal cinese Jianfei Ma, che è il numero uno del ranking mondiale.

Il campione del mondo del 2009 Andrea Baldini oggi ha disputato un solo assalto, contro l’israeliano Hatoel Or nel tabellone dei 64, e ha perso per 15-10, così come Valerio Aspromonte (bronzo l’anno scorso) che è stato battuto dal bielorusso Byk per una sola stoccata, 15-14.
Un po’ meglio ha fatto Andrea Cassarà, campione del mondo nel 2011 (anno in cui Aspromonte fu secondo e Avola terzo), che ha superato il tabellone dei 64 contro il messicano Jesus Beltran battendolo per 15-10, poi però è stato eliminato ai sedicesimi dal coreano Minkyu Kim che lo ha battuto per 15-13 rifilando al bresciano quattro stoccate di fila dopo che l’azzurro era avanti 13-11. Dopo l’eliminazione Cassarà ha detto che purtroppo quest’anno gli è mancata spesso la capacità di chiudere gli assalti e ora gli resta una sola gara, ma che è anche la più importante (quella del mondiale a squadre) per poi archiviare questa stagione negativa e cominciare a pensare all’anno prossimo.

I fiorettisti italiani possono riscattarsi nella gara a squadre che è in programma martedì 22 luglio: sono campioni d’Europa e campioni del mondo in carica e devono dunque cercare di difendere il titolo per riscattare la brutta prova individuale, proprio come hanno fatto agli Europei di Strasburgo.

Per la cronaca, l’oro è andato al russo Cheremisinov che ha battuto in finale il cinese Ma per 15-11, mentre il bronzo se lo sono aggiudicati il francese Lefort e il russo Safin eliminati rispettivamente dal nuovo campione del mondo e dal vice-campione del mondo in semifinale.

I Video di Blogo