Roberto Giacobbo su Paul McCartney, la scure di Aldo Grasso: i misteri di Nonciclopedia

Roberto Giacobbo, oltre alla comunità scientifica, fa infuriare anche Aldo Grasso che oggi gli dedica un articolo divertentissimo sul Corriere. Se sia più spassosa la prosa dell’autore o il protagonista del suo scritto lo deciderete voi. Certo è che dopo i cerchi di grano, gli Ufo, John Titor, il Chupacabra e le stimmate di Padre Pio  mancava solo la leggenda metropolitana che vorrebbe Paul

Roberto Giacobbo, oltre alla comunità scientifica, fa infuriare anche Aldo Grasso che oggi gli dedica un articolo divertentissimo sul Corriere. Se sia più spassosa la prosa dell'autore o il protagonista del suo scritto lo deciderete voi. Certo è che dopo i cerchi di grano, gli UfoJohn Titor, il Chupacabra e le stimmate di Padre Pio  mancava solo la leggenda metropolitana che vorrebbe Paul McCartney morto dal 1966 per decidere di dedicargli un post ad hoc. Scrive Aldo Grasso:

Per creare l'effetto veridittivo, Giacobbo è andato in Inghilterra, sui luoghi del presunto incidente e si è appoggiato a una recente inchiesta della versione italiana di «Wired» (per «cambiare il mondo» «Wired» si occupa di queste cose?). 

William Campbell, questo sarebbe il nome del Paul Mc Cartney che conosciamo dal 1966 a oggi, dovrebbe avere due doti uniche e inconfutabili: assomigliare come una goccia d'acqua al bassista dei Beatles (e fin qui ci siamo, pur fra mille difficoltà) ma, soprattutto, essere bravo come Paul dal punto di vista musicale e scrivere canzoni come Penny Lane, Hey Jude, Let it Be. Finora l'unico doppio dei Beatles è il «Doppio Bianco». 

Avevamo conosciuto il giornalista grazie a Paola Guarnieri che su Ueb aveva pubblicato un'intervista in occasione dell'uscita di 2012. Oggi, per affiancare al pezzo di Grasso un testo altrettanto esplicativo su Giacobbo vi consigliamo di leggere la sua pagina su Nonciclopedia, ricca di dettagli. Uno stralcio dal paragrafo dedicato ai suoi Poteri:

L'abilità di Giacobbo consiste nel mettere in discussione qualunque cosa, dal sorgere del sole alla scoperta dell'acqua calda. Il suo motto è: è vero, è successo. E se fosse NO?

Un altro dei poteri del nostro eroe è la capacità di parlare sempre delle stesse cose da 30 anni e presentarle sempre come se fossero nuove di pacca. Tra le indagini famose possiamo ricordare:L'abilità di Giacobbo consiste nel mettere in discussione qualunque cosa, dal sorgere del sole alla scoperta dell'acqua calda. Il suo motto è: è vero, è successo. E se fosse NO?

Un altro dei poteri del nostro eroe è la capacità di parlare sempre delle stesse cose da 30 anni e presentarle sempre come se fossero nuove di pacca. Tra le indagini famose possiamo ricordare:

I misteri dell'antico Egitto in compagnia di Zahi Hawass, ormai stipendiato direttamente dallo stesso Giacobbo che gli sta sempre tra le palle.

I misteriosi cerchi nel grano, hobby dei vecchietti inglesi in pensione, che li realizzano con due tavole e una corda, ma che emettono microonde e scie chimiche come tutti i piatti della cucina del Regno Unito.

Il mistero di Giuliano Ferrara, un mistero enorme.

Il mistero di Rennes-le-Château e quindi del Santo Graal

Il mistero degli Alieni (così, in generale)

Atlantide

Il misterioso Processo SME.

La misteriosa vittoria dello scudetto dell'Inter

Il chupacabra: il misterioso verso che fa il suo misterioso orsachiotto quando Giacobbo lo strofina in maniera misteriosa.

L'uomo del futuro John Titor. Anche lui dice "chupa cabras!" quando viene strofinato misteriosamente.

Il mistero della Sacra Sindone collegata a ogni avvenimento in ogni angolo dell'universo.

Semplicemente misterioso e molto, molto scientifico. 

I Video di Blogo