Bologna: 15enne picchiata e violentata da un tunisino clandestino, arrestato in flagranza

Un nuovo caso di violenza sessuale è stato denunciato ieri sera, poco dopo le 22, in zona San Vitale, alla periferia di Bologna. La vittima è una ragazza italiana di 15 anni, l’aggressore un tunisino clandestino di 33 anni. Secondo la ricostruzione diffusa dalle autorità, la giovane stava aspettando sotto casa l’arrivo di alcuni amici


Un nuovo caso di violenza sessuale è stato denunciato ieri sera, poco dopo le 22, in zona San Vitale, alla periferia di Bologna. La vittima è una ragazza italiana di 15 anni, l’aggressore un tunisino clandestino di 33 anni.

Secondo la ricostruzione diffusa dalle autorità, la giovane stava aspettando sotto casa l’arrivo di alcuni amici quando il tunisino si è avvicinato, l’ha aggredita con calci e pugni e l’ha trascinata tra alcuni cespugli poco lontano, dove l’ha violentata.

Le grida della ragazza hanno attirato l’attenzione di un uomo residente nella zona che ha prontamente allertato il 113 mettendo quindi fine alle violenze.

Le autorità sono arrivate in pochi minuti e l’aggressore è stato arrestato in flagranza di reato: si tratta di Moamib Jamel, arrivato in Italia nei primi mesi del 2008 e arrestato per spaccio di stupefacenti pochi mesi fa.

Era stato rilasciato lo scorso 15 gennaio per decorrenza dei termini e dopo poco meno di un mese eccolo nuovamente dietro le sbarre. Questa volta però le accuse sono ben più gravi, violenza sessuale e resistenza a pubblico ufficiale.

La giovane vittima ha riportato lividi e lesioni superficiali giudicate guaribile in 8 giorni.

Via | L’Arena