Auto blu all’asta su eBay: incassati 900mila euro

Quasi 900mila euro incassati dalla vendita delle auto blu: lo afferma Palazzo Chigi.

La decisione potrebbe venir annunciata ufficialmente nella conferenza stampa che seguirà il consiglio dei ministri.

27 marzo 2015 – Stando a quanto riporta il sito di Palazzo Chigi la cifra totale incassata per la vendita delle auto blu attraverso il negozio eBay del Governo si aggirerebbe attorno ai 900mila euro, con oltre 100 automobili di servizio vendute.

In totale, scrive Palazzo Chigi, dall’apertura del negozio eBay del Governo, sono state messe all’asta 151 auto blu, di cui sono state cedute 107. L’ultima asta ha visto la messa in vendita di 33 auto blu di proprietà del Ministero della Difesa: in totale sono stata aggiudicate 25 vetture, garantendo un incasso di 155.521 euro che sommati ai 701.987 euro della precedente asta portano la cifra complessiva a 857.508 euro. Secondo il governo la vendita di questo lotto ha portato ad una plusvalenza di 58.021 euro.

Gli introiti derivanti dalle vendite delle auto blu entrano in un fondo finalizzato alla riduzione del deficit.

Matteo Renzi mette all’asta su eBay 150 auto blu

ITALY-POLITIC-GOVERNMENT-RENZI

150 auto blu vendute all’asta su eBay. Una mossa che da una parte farà felice gli anticasta, dall’altra mostra come il nuovo premier sia a suo agio con internet e dintorni. E però la cosa più importante è che da una vendita del genere potrebbe entrare una bella somma, visto che le auto blu – anche se non tutte – sono spesso macchine di un certo tipo.

A essere privati delle auto blu saranno i 35 sottosegretari, mentre è in programma anche una riduzione dello staff e tagli dei super dirigenti. Il tutto mentre Carlo Cottarelli continua a lavorare alla spending review. Che sia la volta buona? Potrebbe, visto che Renzi aveva già fatto una mossa simile quando ancora era sindaco di Firenze e mise all’asta tre Alfa Romeo e una Volvo che erano in utilizzo ai membri della giunta.

Dal punto di vista elettorale, sicuramente, questa è un’altra mossa che dà filo da torcere al Movimento 5 Stelle, che dell’anti casta ha fatto la sua bandiera, ma che ponendosi su posizioni che escludono il dialogo è di fatto nell’impossibilità di incidere concretamente (fatte salve le scelte che ricadono solo sui parlamentari pentastellati).

Il tutto è in perfetta sintonia con quanto deciso anche da Cottarelli, che aveva fatto sapere di “ritenere che le auto blu debbano essere mantenute solo per i ministri e che per gli altri ci sia un pool di 5 vetture per ministero, lo stesso dovrebbe essere fatto a livello territoriale”. Probabile, quindi, che da parte di Matteo Renzi ci sia stata una fuga in avanti, molto utile dal punto di vista elettorale. Ma l’importante è che operazioni di questo tipo, magari anche simboliche, si facciano.

I Video di Blogo

Ultime notizie su Governo Italiano

Tutto su Governo Italiano →