Telefono arcobaleno denuncia: sul dominio “.eu ” attivi 81 siti pedo-pornografici a pagamento

Sul dominio internet .eu, dominio europeo di 1° livello utilizzato da aziende e ong, girano ben 81 siti pedo-pornografici a pagamento contenenti immagini di violenze sessuali su 245 piccole vittime, tra i 5 e gli 11 anni. Ce lo rivela l’ associazione Telefono Arcobaleno che, attraverso il suo rapporto annuale, lamenta la scarsa attenzione da

Sul dominio internet .eu, dominio europeo di 1° livello utilizzato da aziende e ong, girano ben 81 siti pedo-pornografici a pagamento contenenti immagini di violenze sessuali su 245 piccole vittime, tra i 5 e gli 11 anni.

Ce lo rivela l’ associazione Telefono Arcobaleno che, attraverso il suo rapporto annuale, lamenta la scarsa attenzione da parte delle autorità europee per un fenomeno che è reato solo sulla carta. Nonostante le denunce questo network pedo-pornografico, denominato “Lolite europee”, è infatti ancora operativo e ha avuto in poco più di due mesi un milione di contatti.

Come mai non è stato ancora oscurato? Le indagini sui gestori dei server sono state avviate? E poi, visto che è un “servizio” a pagamento, non si può tentare di risalire ai tracciati e ai numeri delle carte di credito, o prepagate, dei fruitori?

Sarà pure un altro dei rischi della rete, ma l’ impressione è che la pedofilia on line sia un tantino sottovalutata. Forse perchè a guardare delle immagini, si pensa, non si commette chissà quale reato. Si dimentica però, o si vuole dimenticare, che dietro quei video e quelle foto ci sono storie di prostituzione minorile forzata e abusi reali su bambini in carne e ossa. E che il mercato della pedo-pornografia prospera proprio grazie a siti come questi e alla mancanza di controlli sistematici e capillari.

Via | Telefono Arcobaleno
Foto | Flickr