Sei Nazioni 2010 – Inghilterra: “Mai più giocatori che giocano all’estero in nazionale”

Rischia di creare una reazione a catena la disputa tra lo Stade Français e l’RFU su James Haskell. Il flanker inglese, infatti, non è stato liberato dalla Federazione inglese per il big match tra i parigini e il Tolosa, scatenando le ire di patron Guazzini. Una controversia che rischia di ripetersi in futuro, soprattutto con

Rischia di creare una reazione a catena la disputa tra lo Stade Français e l'RFU su James Haskell. Il flanker inglese, infatti, non è stato liberato dalla Federazione inglese per il big match tra i parigini e il Tolosa, scatenando le ire di patron Guazzini. Una controversia che rischia di ripetersi in futuro, soprattutto con l'aumento dei giocatori britannici che abbandonano la Guinness Premiership per il Top 14. Un futuro che vede avvicinarsi la Coppa del Mondo. Per questo l'RFU sta valutando seriamente la possibilità di non convocare i giocatori che giocano all'estero.

RWC in Nuova Zelanda a rischio per Haskell, ma anche per Jonny Wilkinson? Dalle parole di Rob Andrew un'ipotesi che potrebbe diventare reale. "Quando abbiamo discusso nel luglio scorso l'opportunità di convocare giocatori all'estero sapevamo che prima o poi ci saremmo ritrovati nella situazione attuale" ha detto Andrew, che poi ha continuato "La scelta allora è stata di convocare anche chi gioca in Francia. Ma non è detto che non possiamo cambiare idea".
Il caso Haskell rischia, infatti, di ripetersi e, a poco più di un anno dall'appuntamento iridato, questo potrebbe essere deletereo per l'Inghilterra. "Le regole devono essere assolutamente chiare. Dobbiamo sapere su chi e quando possiamo fare affidamento. Tra un anno ci saranno i mondiali e non possiamo arrivarci in una situazione di battaglie e compromessi. Ne abbiamo già avute fin troppe con i club inglesi, ci manca pure dover ricominciare ora".
Una presa di posizione decisa. Una presa di posizione che potrebbe influenzare pesantemente il prossimo rugby mercato, con molte stelle inglesi attratte dai soldi francesi, ma restie a dire addio alla nazionale. In fondo, c'è un mondiale che incombe.