Sud Africa – Addio a Kruger, campione del mondo 1995

Ci sono nemici che neppure un campione del mondo può sconfiggere. Ci sono avversari che non si spaventano davanti a 101 chilogrammi distribuiti su 188 centimetri d’altezza. Ruben Kruger, flanker del Sud Africa campione del mondo 1995, all’età di 39 anni ha incontrato uno di questi nemici. Kruger, nato a Vrede il 30 marzo 1970

Ci sono nemici che neppure un campione del mondo può sconfiggere. Ci sono avversari che non si spaventano davanti a 101 chilogrammi distribuiti su 188 centimetri d'altezza. Ruben Kruger, flanker del Sud Africa campione del mondo 1995, all'età di 39 anni ha incontrato uno di questi nemici. Kruger, nato a Vrede il 30 marzo 1970 è morto l'altroieri, ucciso da un cancro al cervello.

Ironia del destino, la lunghissima battaglia di Ruben contro una malattia che lo aveva colpito nel 2000 è stata persa proprio quando Clint Eastwood lo ha portato sul grande schermo. Le gesta del suo Sud Africa e le sue sono impresse nella pellicola Invictus, probabile candidata all'Oscar, che vedremo a fine febbraio nei cinema italiani.
Ruben Kruger, infatti, è stato una delle colonne degli Springboks campioni del mondo nel 1995. Cinque partite disputate, una meta realizzata nella semifinale contro la Francia e la consapevolezza, dopo la vittoria con gli All Blacks, di avere fatto la storia del suo Paese. Kruger tra il 1993 e il 1999 ha collezionato 36 caps realizzando sette mete con il Sud Africa. Flanker, ha vestito la maglia dei Cheetahs e dei Bulls. Nel 1995, proprio l'anno del trionfo mondiale, venne eletto miglior giocatore del Sud Africa ed è tuttora considerato uno dei più grandi Springboks della storia.
Malato da tempo, lascia la moglie Lize e le piccole figlie Zoe e Isabella. "Quando Ruben era in campo, sapevi sempre che gli Springboks non sarebbero stati battuti se non alla fine di una battaglia tremenda" ha ricordato il presidente del Saru Oregan Hoskins.