Lodi: aggredisce anziano che non gli dà l’elemosina e accoltella un giovane

Sant’Angelo Lodigiano: l’aggressore deve rispondere di lesioni personali aggravate. Dopo aver picchiato l’anziano si è vendicato sul ragazzo che lo aveva difeso.

di remar

Avrebbe aggredito a pugni a bastonate un pensionato di 67 anni che si era rifiutato di fargli l’elemosina. È accaduto a Sant’Angelo Lodigiano dove con questa accusa la settimana scorsa era stato fermato e poi rilasciato un cittadino egiziano di 30 anni.

La vittima secondo quanto ricostruito dai carabinieri non aveva dato al mendicante i soliti due euro di elemosina, quest’ultimo allora sarebbe adatto su tutte le furie aggredendo il pensionato che ha riportato un trauma cranico e diverse lesioni, la prognosi assegnata all’uomo è di di dieci giorni.

A salvare l’anziano da conseguenze che potevano essere peggiori sono stati il proprietario di un bar e un ragazzo che vista la scena sono intervenuti riuscendo a fermare l’aggressore, che ha precedenti penali.

Questo accadeva giovedì scorso ma dopo l’aggressione il 30enne è stato rilasciato con un denuncia a piede libero e quando si è trovato davanti il giovane di 27 anni, suo vicino di casa, che era intervenuto per difendere l’anziano, si è vendicato accoltellandolo più volte al torace e perforandogli un polmone.

L’aggressore ora dovrà rispondere in tribunale a Lodi di lesioni personali aggravate, i pm lo accusano di aver pianificato la sua vendetta usando un coltello a serramanico. Il sindaco di Sant’Angelo Lodigiano intanto ha convocato un vertice urgente in materia di sicurezza.

I Video di Blogo