Mafia, maxi operazione contro Cosa Nostra negli Stati Uniti: 46 arresti

Gli arrestati sono accusati a vario titolo di estorsione, gioco d’azzardo, incendio doloso, minacce, usura, frode e traffico di armi.

Duro colpo inflitto dall’FBI alle famiglie di Cosa Nostra residenti ormai da anni negli Stati Uniti. A finire in manette in diverse grandi città della costa orientale, tra Miami e Philadelphia, passando per New York e Newark, sono state 46 persone legate alle famiglie dei Genovese, Gambino, Luchese, Bonanno e Columbo.

Tutti gli arrestati, secondo quanto riferisce l’FBI, facevano parte di un gruppo ribattezzato East Coast LCN Enterprise, una vera e propria alleanza tra le varie famiglie di Cosa Nostra per avere il controllo dell’intera costa e operare in modo più o meno pacifico, senza pestarsi i piedi a vicenda.

A finire in manette sono stati anche alcuni elementi di spicco come Joseph “Skinny Joey” Merlino, presunto boss di una famiglia mafiosa di Philadelphia, e Pasquale “Patsy” Parrello, storico membro della famiglia dei Genovese di New York. Quest’ultimo, titolare di un ristorante italiano nel Bronx, avrebbe dato ordine ad alcuni sottoposti di rompere le gambe a un mendicante che stava disturbando i suoi clienti.

Diego Rodriguez, capo della sede di New York dell’FBI, ha spiegato che le accuse vanno da estorsione a gioco d’azzardo, passando per incendio doloso, minacce e usura, ma anche frode all’assistenza sanitaria e traffico di armi.

Fondamentale per la riuscita dell’operazione è stato il materiale acquisito nel corso degli ultimi mesi da un informatore dell’FBI che ha lavorato sotto copertura per Parrello. L’informatore è riuscito a registrare centinaia di ore di conversazioni tra i vari boss delle famiglie. Allo stesso modo un agente sotto copertura, infiltrato nel clan dei Genovese, è riuscito a fornire materiale fondamentale alla ricostruzione dei rapporti tra le i membri della cosiddetta East Coast LCN Enterprise.

Delle 46 persone coinvolte nell’operazione, tre si trovavano già dietro le sbarre e altre quattro risultano al momento reperibili. Nel corso delle numerose perquisizioni sono stati recuperati 30 mila dollari in contanti, tre pistole e un fucile a pompa.

Via | FBI

Ultime notizie su Mafia

Tutto su Mafia →