Madre e figlia uccise a Roma: fermato l’altro figlio

Un lago di sangue. Riversa contro la porta la madre, forse in un estremo tentativo di chiedere aiuto. In fondo al corridoio striato di sangue, avvolta in una coperta, la figlia. Su entrambi i cadaveri profonde ferite. Al cranio quelle fatali, provocate «da un corpo contundente»Così Il Tempo descrive il duplice omicidio di Ida Marmini,


Un lago di sangue. Riversa contro la porta la madre, forse in un estremo tentativo di chiedere aiuto. In fondo al corridoio striato di sangue, avvolta in una coperta, la figlia. Su entrambi i cadaveri profonde ferite. Al cranio quelle fatali, provocate «da un corpo contundente»

Così Il Tempo descrive il duplice omicidio di Ida Marmini, 77 anni, e della figlia 48enne Annamaria Vezzani, avvenuto questa mattina all’alba via Calpurnio Fiamma 31, nel quartiere Tuscolano a Roma.

Le indagini sono ancora in corso e per il momento è stato fermato il 41enne Stefano Vezzani, figlio di Ida e fratello di Annamaria. Sembra che fosse disoccupato e continuamente alla ricerca di soldi, motivo alla base di numerosi litigi intercorsi proprio tra l’uomo e la sua famiglia.

Secondo gli inquirenti il duplice omicidio sarebbe stato proprio la diretta conseguenza di un litigio per questioni economiche, ma al momento non c’è stata ancora una confessione.

Ha farfugliato qualcosa e si è chiuso nel silenzio: tanto è bastato alle autorità per convalidare il suo fermo. Vezzani sarà nuovamente interrogato nelle prossime ore, nel frattempo verrà scortato nel carcere di Regina Coeli.

Via | RaiNews24