Matrimoni e Funerali più cari a Roma: dopo Imu e rifiuti

Sposarsi a Roma diventa più caro, quanto essere seppelliti al cimiitero, andare al museo, fotografare monumenti, avere una casa e produrre rifiuti

di cuttv

Sposarsi a Roma può essere molto romantico e coreografico, di certo tra un po’ sarà anche più caro, con un incremento del 50% delle tariffe relative a licenze, concessioni, autorizzazioni. Aumenti previsti anche per chi decide di pensare all’ultima residenza terrena, acquistando un loculo nei cimiteri capitolini Flaminio, Laurentino e Verano, già cari.

Stando ad una nota del Campidoglio “Si tratta di un semplice adeguamento Istat, così come previsto ogni anno dalla legge”, ma di fatto la delibera 30, propedeutica a quel Bilancio rimandato a settembre, di ritocchi delle tariffe ne prevede parecchi.

Ad aumentare sarebbe anche il costo per fare foto a fini pubblicitari ai monumenti di Roma, l’uso dei locali adibiti a riunioni non istituzionali e con 1 euro in più anche i biglietti d’ingresso ai musei di Roma Capitale.

Senza contare le delibere propedeutiche già approvate che non devono aspettare l’approvazione del Bilancio rimandata a settembre, da quella che fissa le aliquote dell’Imu (+0,1% per la prima casa e di 0,3% sulla seconda casa) a quella sulla tariffa dei rifiuti, con un 3,3% in bolletta che arriva dal 10% in più di Iva divisa in tre annualità.

Foto | Flickr