Berlusconi ricorre in Cassazione contro la Gandus: “Ostilità ideologica”

I legali del Cavaliere non si danno pace. Come un fulmine a ciel sereno giunge, nel primo pomeriggio di oggi, la notizia che Silvio Berlusconi ha presentato ricorso in Cassazione contro l’ordinanza con la quale lo scorso luglio la Corte d’Appello di Milano aveva respinto la ricusazione presentata nei confronti di Nicoletta Gandus, presidente del

I legali del Cavaliere non si danno pace. Come un fulmine a ciel sereno giunge, nel primo pomeriggio di oggi, la notizia che Silvio Berlusconi ha presentato ricorso in Cassazione contro l’ordinanza con la quale lo scorso luglio la Corte d’Appello di Milano aveva respinto la ricusazione presentata nei confronti di Nicoletta Gandus, presidente del collegio davanti al quale è in corso il processo Mills che vede imputato il premier.

E così, dopo l’accusa di grave inimicizia, per la Gandus arriva quella di ostilità ideologica: “La dottoressa Gandus – scrivono, infatti, gli avvocati del Presidente del Consiglio – nutre una ostilità profonda, di natura ideologica, nei confronti dell’operato politico di Berlusconi, ostilità profonda che non può non interessare anche la persona dell’imputato, stante l’inscindibilità tra lo stesso e le sue azioni: qualunque diversa ricostruzione presuppone un concetto di persona, e di rapporti personali, destinato a rivelarsi intrinsecamente contraddittorio”.

Una precisazione, questa, doverosa per Longo e Ghedini che si sono visti rigettare il loro ricorso in quanto “le opinioni manifestate dalla Gandus in diversi siti internet erano rivolte, secondo i giudici d’appello, all’esecutivo guidato dal premier e alle sue politiche legislative, ma non alla persona”.
E il caso Mills torna a far parlare di sé. Nonostante il lodo Alfano. Gli avvocati di Berlusconi, evidentemente, senza lavoro proprio non sanno stare.

I Video di Blogo

Ultime notizie su Governo Italiano

Tutto su Governo Italiano →