Omicidio-suicidio a Spilimbergo: coppia trovata morta in mezzo ai bossoli

I due fidanzati sono stati trovati morti nell’appartamento di lei

Manuel Venier, guardia giurata 37enne di Codroipo, ha ucciso la fidanzata Michela Baldo, 29enne di Spilimbergo, per poi togliersi la vita con due colpi di pistola.

L’omicidio-suicidio è avvenuto al primo piano dello stabile di via della Repubblica 24, a Spilimbergo, nell’appartamento in cui viveva la donna e i due cadaveri sono stati trovati in mezzo ai bossoli.

In tutto sono stati sei i colpi di pistola esplosi da Venier che, secondo le prime ricostruzioni degli inquirenti, avrebbe utilizzato un cuscino come silenziatore esplodendo 4 colpi contro la donna e, in un secondo tempo, avrebbe rivolto l’arma verso di sé facendo partire i due colpi fatali.

Da quanto si è appreso nel corso della notte, Michela Baldo avrebbe lasciato Manuel Venier tre giorni fa. L’uomo possedeva ancora le chiavi della casa e avrebbe atteso la donna al rientro dal lavoro, intorno alle 21.30.

A dare l’allarme sono state una cugina della donna che aveva provato invano a chiamare la ragazza e la madre di Venier che, al mancato rientro del figlio, aveva accertato la sparizione della pistola detenuta regolarmente in casa.

Quando i carabinieri sono giunti all’abitazione della donna hanno notato i due colpi riversi in cucina e hanno chiesto l’intervento dei Vigili del Fuoco per aprire la porta. Nel corso della notte i parenti dei due fidanzati sono stati ascoltati per riuscire a ricostruire il rapporto dei due nei giorni precedenti la tragedia.

Via | Messaggero Veneto