Napoli, omicidio di Pasquale Zito: arrestato un 16enne

Il giovanissimo avrebbe ucciso Pasquale Zito dopo che questi aveva tentato un approccio con la sua fidanzata.

A quasi quattro mesi dall’omicidio di Pasquale Zito, il 22enne ucciso a colpi di pistola a Bagnoli nel febbraio scorso, le autorità hanno arrestato un ragazzo di 16 anni, ritenuto l’esecutore materiale del delitto.

Il movente, contrariamente a quanto ipotizzano in un primo momento, non sarebbe da ricondurre alla criminalità organizzata, ma sarebbe legato alla gelosia. Zito, crivellato di colpi mentre si trovava a bordo della propria automobile, sarebbe stato ucciso perché avrebbe tentato un approccio con la fidanzata del 16enne arrestato oggi.

Il minorenne, figlio di una cugina del presunto boss Alessandro Giannelli finito in manette poche settimane fa, avrebbe pianificato e portato a termine quell’esecuzione in pieno stile camorristico per punire Zito per quell’affronto.

Il giovanissimo è stato arrestato mentre stava tentando di allontanarsi dalla Campania.

Ultime notizie su Camorra

Tutto su Camorra →