Attentato fallito, ecco le foto delle mutande bomba indossate dal nigeriano sul volo Delta

Sono state pubblicate in esclusiva dall’emittente americana Abc le immagini delle mutande bomba indossate da Umar Farouk Abdulmutallab il giorno in cui ha tentato di fare saltare in aria l’aereo diretto da Amsterdam verso Detroit. Nelle foto sono visibili chiaramente gli slip quasi interamente bruciacchiati, assieme ad un sacchetto, cucito internamente, contenente della polvere identificata

Sono state pubblicate in esclusiva dall'emittente americana Abc le immagini delle mutande bomba indossate da Umar Farouk Abdulmutallab il giorno in cui ha tentato di fare saltare in aria l'aereo diretto da Amsterdam verso Detroit.

Nelle foto sono visibili chiaramente gli slip quasi interamente bruciacchiati, assieme ad un sacchetto, cucito internamente, contenente della polvere identificata come l'esplosivo chimico Petn.

L'unica circostanza che ha potuto evitare lo scoppio, che danneggiando la fusoliera avrebbe causato almeno una violenta decompressione, è stato il mancato funzionamento del detonatore, una sostanza acida contenuta in una siringa: l'ordigno si è infatti incendiato senza però esplodere.

Il Washington Post, tra l'altro, è riuscito a risalire ai messaggi lasciati su Internet dal giovane, che racconta la sua vita, i suoi viaggi a Londra, negli Stati Uniti e nello Yemen dove si pensa sarebbe stato contattato da ambienti estremisti.

Nel paese Umar era presente fino al mese scorso, come hanno riferito fonti ufficiali. Le autorità australiane, poi, ne avevano denunciato la scomparsa dopo che era svanito nel nulla durante la frequentazione una università australiana a Dubai. Venne infatti escluso dal secondo semestre perché non aveva pagato la tassa di iscrizione.

Il giovane nell'Islamic Forum Web Site confidava il proprio malessere per la condizione di isolamento che viveva: "Non c'è nessuno con cui posso consultarmi, nessuno che mi aiuti. E soprattutto credo che questa solitudine mi possa creare altri problemi…".

Si tratta di un periodo molto turbolento per quanto riguarda il terrorismo internazionale: solo oggi è stato rivendicato da al Qaeda il sequestro dei due turisti italiani in Mauritania, mentre a Malpensa è stato fatto brillare un pacco che si credeva contenesse una bomba. Sembra invece che fosse solo un finto ordigno, dato che conteneva innesco e radioricevitore ma nessun esplosivo.

Eccovi le immagini dell'ordigno realizzato dal giovane nigeriano per l'attentato al volo diretto verso Detroit.

bomba2.jpg bomba3.jpg bomba4.jpg bomba5.jpg bomba6.jpg

I Video di Blogo