Egitto, il maresciallo Al Sisi si candida alla Presidenza

La notizia al termine di una giornata di violenze e scontri

Ufficialmente non ha ancora sciolto le riserve, serratissime nelle ultime ore, il maresciallo egiziano Abdel Fattah al Sisi: secondo quanto riferito da Al Ahram sarebbe in procinto di accettare ufficialmente la candidatura alla Presidenza.

Nel pomeriggio di oggi il presidente ad interim Adly Mansour lo ha promosso da generale a maresciallo e ha annunciato che le presidenziali saranno anticipate ad aprile; al Sisi avrebbe inioltre accolto con soddisfazione la decisione del Consiglio supremo egiziano delle Forze Armate, che lo ha autorizzato a correre da Presidente.

Seppur la candidatura ufficialmente resta sospesa è chiaro che il rincorrersi di questi provvedimenti con le dichiarazioni del maresciallo sia la strada maestra per condurre Abdel Fattah al Sisi direttamente a detenere le redini di tutto l’Egitto, dopo che comunque il 14 e 15 gennaio scorsi è stata approvata, con un contestato referendum, la nuova costituzione che amplia i poteri e l’indipendenza dell’esercito e secondo molti serviva a preparare il terreno al ritorno di un militare alla presidenza del paese.

Una profezia che sembra sempre più vicina al realizzarsi.