Ping Pong: botte (e risposte) della giornata politica

Leggi e commenta la Top NewsConvalida dei fermi, ma già scarcerati i 5 ultrà dell’assalto al treno e all’Olimpico. Il premier Silvio Berlusconi parla del calcio, ma di Ronaldinho, non dei delinquenti di Napoli. “Nonostante la sconfitta – dice il presidente del Consiglio – il Milan, unica squadra con tre giocatori da pallone d’oro, mi

Leggi e commenta la Top News

Convalida dei fermi, ma già scarcerati i 5 ultrà dell’assalto al treno e all’Olimpico. Il premier Silvio Berlusconi parla del calcio, ma di Ronaldinho, non dei delinquenti di Napoli. “Nonostante la sconfitta – dice il presidente del Consiglio – il Milan, unica squadra con tre giocatori da pallone d’oro, mi è piaciuto”. L’opposizione? Nemmeno uno straccio di commento. Veltroni ha da pensare a Obama. Giancarlo Abete, presidente Figc: “Basta con i delinquenti”. Il sindaco Rosa Russo Iervolino: “E’ un episodio molto doloroso. Pochi facinorosi danno di Napoli un’immagine negativa”. Retromarcia del governo: verso lo stop delle trasferte.

Il nostro commento. Nessun leader politico ha commentato i gravissimi fatti di ieri dove mille delinquenti (alcuni prezzolati) hanno messo a ferro e fuoco non la stazione di Canicattì, (che sarebbe comunque un delitto) ma quelle di Napoli e di Roma, mettendo in scacco lo Stato. Lasciamo stare la diatriba stucchevole Nord-Sud. Qui non è in ballo nemmeno “solo” il concetto fra “civiltà” e “inciviltà”: sono atti ispirati dalla “politica”, o meglio, dal “potere”. Il Viminale, consentendo la trasferta ai “tifosi” del Napoli ha commesso un inqualificabile atto di ingenuità politica o, peggio, un gravissimo atto per non “dispiacere” all’elettorato sotto il controllo di questi teppisti, al soldo di capi clan e boss malavitosi di ogni colore. Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentis sta con gli ultrà perché “è gente che fa sacrifici”. Ribatte l’allenatore Eddy Reia: “Sono delinquenti che sfruttano il calcio per manifestare le proprie negatività”. I processi in direttissima ai cinque “tifosi” inizieranno ad … ottobre. Sappiamo già come finirà. Mala Italia: giustizia su misura. Con assassini a spasso e/o in permesso premio. A chi importa di questi teppisti? Chi paga gli oltre 500 mila euro di danni? E’ ora di leggi chiare, che non lascino al Magistrato di turno l’alibi dell’interpretazione per favorire i delinquenti. E Berlusconi promette certezze, sicurezza, libertà di vivere agli italiani…

Alfredo Mantovano: “E’ intollerabile che per le gesta di poche centinaia di sciagurati, tanti cittadini debbano subire i disagi che hanno subito ieri. C’è ora necessità di rigore e fermezza attuando le norme che già sono in vigore. Decideremo se vietare le trasferte”.

Antonino Puglisi: “Come questore di Napoli respingo ogni critica perché quando quel treno si è mosso dalla stazione, non c’era nessun pericolo di ordine pubblico e quindi nessun motivo per impedirne la partenza”.

I Video di Blogo