Brindisi, SCU: 16 arresti. Colpito il clan Buccarella

Racket delle estorsioni e rapine: tra gli arrestati anche Salvatore Buccarella, ritenuto uno dei padrini della Scu e già detenuto a Secondigliano.

di remar

Sono sedici le persone arrestate stamattina a Brindisi che farebbero parte di un’organizzazione criminale legata alla Sacra Corona Unita (SCU). Le accuse mosse a vario titolo agli indagati vanno dall’associazione per delinquere di stampo mafioso, alle estorsioni, fino ai furti e alle rapine.

Vittime del pizzo, secondo le indagini, sette imprenditori che lavorano nel settore delle energie rinnovabili taglieggiati dal gruppo criminale che faceva riferimento alla frangia del clan Buccarella della Scu attiva nella frazione di Tuturano.

Tra i nomi degli arrestati nel blitz di oggi figurano anche quelli di Salvatore Buccarella, ritenuto dagli inquirenti uno dei padrini della SCU e già detenuto (la misura cautelare gli è stata notificata in carcere) di suo fratello Angelo e di suo padre Giovanni. A quest’ultimo, detto “Nino Balla” di 85 anni, sono stati concessi i domiciliari per motivi di salute.

Gli arresti sono stati eseguiti dai carabinieri, le indagini sono state coordinate dal pm applicato della Dda di Lecce Alberto Santacatterina.

Foto | ©TMNews

I Video di Blogo.it

Ultime notizie su Mafia

Tutto su Mafia →