Hollande: Valerie resta in ospedale per “fatica nervosa estrema”

La donna sarebbe irritata dall’indifferenza del presidente, che non è andato a trovarla in ospedale e non l’ha citata nella conferenza stampa di martedì scorso.

La prima donna di Francia, Valérie Trierweiler, resta in clinica. Dimenticata dal presidente Francois Hollande, che non è ancora andato a trovarla dopo il ricovero avvenuto lo scorso venerdì. Lo riferisce Radio Europe, citando l’entourage della donna. L’indifferenza del presidente avrebbe acuito il malessere di Valerie, che soffre di “una fatica nervosa estrema”.

La permanenza all’ospedale della Pitié Salpetrière dovrebbe dunque prolungarsi ancora qualche giorno. Il ricovero si era reso necessario per una crisi di nervi scoppiata dopo la confessione di Hollande, avvenuta solo in seguito alla pubblicazione del settimanale Closer della relazione con un’attrice. Nella conferenza stampa di martedì scorso, Hollande non ha citato neanche una volta la sua compagna.

A breve, il numero uno dell’Eliseo sarà negli Stati Uniti per una visita ufficiale. La Casa Bianca ha fatto sapere che l’eventuale assenza della première dame non cambia nulla a livello di intese e di colloqui strategici che i due capi di Stato avranno il prossimo 11 febbraio, nello studio Ovale. In realtà, come riferisce il New York Times, l’affaire starebbe creando numerosi grattacapi agli addetti al protocollo presidenziale Usa.

Nell’ordine protocollare, infatti, la visita di un capo di Stato è quella di più alto livello e la forma, in questi casi, conta. E non solo per l’organizzazione della cena di gala o per la disposizione delle foto ufficiale. L’Ambasciata di Francia a Washington fa sapere via mail che il lavoro preparatorio alla bilaterale procede, ma non fornisce dettagli sul programma della trasferta che “sarà distribuito ai media della Capitale non appena finalizzato”.