Michael Phelps torna a gareggiare, primo passo verso Rio 2016

Il “proiettile di Baltimora” si è iscritto al Grand Prix di Mesa del 24 aprile.

[blogo-video provider_video_id=”qKsbCtVOuk4″ provider=”youtube” title=”Michael Phelps 200m butterfly World Record” thumb=”” url=”http://www.youtube.com/watch?v=qKsbCtVOuk4″]

Era il 4 agosto 2012 quando Michael Phelps, dopo l’ennesimo oro olimpico conquistato nella staffetta mista, salutò la piscina dicendo che non avrebbe più gareggiato. In due anni ha fatto varie esperienza con gli sponsor, la sua fondazione benefica e ha sempre frequentato il mondo dello sport, dal golf al baseball, ma giorno dopo giorno la nostalgia per l’acqua si è fatta sentire sempre di più. Ecco allora che sei mesi fa Phelps si è iscritto al programma antidoping dell’Usada ed è tornato ad allenarsi cinque giorni a settimana.

A guidarlo, come sempre, Bob Bowman, il suo coach da quando aveva 11 anni, che però nei mesi scorsi ha sempre detto che la presenza in vasca di Phelps al fianco del suo attuale pupillo, il 21enne Yannick Agnel, non aveva niente a che fare con il ritorno alle gare del più grande nuotatore di sempre, ma che si allenava solo per mantenersi in forma.

Ora invece, ecco l’iscrizione di Phelps all’Arena Grand Prix di Mesa: il 24 aprile allo Skyline Aquatic Center il “proiettile di Baltimora” tornerà a competere e lo farà in tre gare sprint. cioè i 50 m e i 100 m stile libero e i 100 farfalla. Non si scontrerà direttamente con il rivale di sempre Ryan Lochte, che disputerà invece le gare dei misti (di ritorno da un grave infortunio).

Bowman ci ha tenuto a precisare che Phelps è ancora molto lontano dalla forma migliore e che per ora quello della prossima settimana è solo un test, dopo il quale si sederanno a un tavolino e decideranno se e come procedere. Intanto però Phelps è iscritto anche alle gare successive del Grand Prix, quella di Charlotte a maggio e quella di Santa Clara a giugno. Se i risultati saranno buoni, allora il fenomeno potrà partecipare anche ai campionati nazionali di Irvine ad agosto ed eventualmente ai Mondiali in Kazan del 2015.

Da Kazan a Rio 2016 il passo potrebbe essere breve e Phelps potrebbe provare a rendere ancora più inimitabile il suo record di medaglie olimpiche: finora, da Sydney 2000 a Londra 2012 ne ha collezionate 22, di cui 18 d’oro. Se pensiamo a Mark Spitz o a Ian Thorpe sappiamo bene che i ritorni in vasca non sono mai stati molto fortunati, ma Phelps potrebbe sfatare anche questo tabù, in fondo anche una sola medaglia in più (quando avrà 31 anni) sarebbe sempre un grande traguardo.