Italia-Sud Africa – Ora il rispetto guadagnamocelo in campo

Sembra lontano anni luce il prepartita di sabato scorso a San Siro. Sembra lontanissima la strafottenza di Henry, la scelta di schierare la terza squadra. Sembra lontana quell’aria di sufficienza con cui stampa e addetti ai lavori britannici guardavano all’Italia ovale. A poche ore dalla sfida del Friuli di Udine, quando gli azzurri di Nick

Sembra lontano anni luce il prepartita di sabato scorso a San Siro. Sembra lontanissima la strafottenza di Henry, la scelta di schierare la terza squadra. Sembra lontana quell'aria di sufficienza con cui stampa e addetti ai lavori britannici guardavano all'Italia ovale. A poche ore dalla sfida del Friuli di Udine, quando gli azzurri di Nick Mallett incontreranno i campioni del mondo del Sud Africa (ore 15.00, diretta tv su La7/Sky e live blogging su Rugby 1823), sono tanti gli attestati di stima e rispetto che sudafricani e britannici tributano agli azzurri. Ora toccherà a loro, in campo, dimostrare di valerli.
E, intanto, si va verso il tutto esaurito allo Stadio Friuli di Udine.

"L'Italia ha mostrato di aver fatto notevoli passi avanti nell'ultimo anno, e di questo non possiamo non tener conto; hanno fatto esperienza, e al giorno d'oggi possono giocarsela con chiunque. Hanno un grande pacchetto di mischia, gli avanti sono molto forti fisicamente e sabato con gli All Blacks hanno dimostrato di saper giocare bene nelle fasi statiche". Sono le parole con cui il coach degli Springboks ha presentato il match di questo pomeriggio. Rispetto, stima, pur nella consapevolezza della superiorità sudafricana.
"Con l'Italia non sarà facile perchè sono una squadra vera, ma non possiamo più permetterci passi falsi – ha, invece, dichiarato Brian Habana, stella degli Springboks. Che poi ha aggiunto – Contro gli All Blacks l'Italia mi ha favorevolmente colpito per la forza della mischia, al momento forse la più forte al mondo, e la capacità di restare in partita e lottare fino all'ultimo".
E se i nostri avversari sprecano parole di lodi per Parisse e compagni, anche Planetrugby.com, mai stato tenero con gli azzurri, si sbilancia e per la prima volta scommette su un match equilibrato, nonostante i favori vadano per gli ospiti. "L'Italia non sarà una passeggiata sabato – scrive, infatti, il sito britannico -. Con la Nuova Zelanda hanno dimostrato che il gap con le più forti si sta riducendo, con il fortissimo pack che sarà una nuova sfida difficilissima per il Sud Africa […]". Ma non solo, perché il sito si spinge oltre "E' la seconda volta che l'Italia esce a testa alta dalla sfida contro la Nuova Zelanda quest'anno. Il lavoro di Nick Mallett sempre finalmente aver trovato la direzione giusta e manca poco a che gli azzurri trovino finalmente la vittoria". Ma a colpire è, soprattutto, il pronostico di Planetrugby. Di norma, contro un Sud Africa titolare, il gap previsto non era inferiore ai 25 punti. Questa volta, invece, "Il Sud Africa vincerà di 12 punti". L'Italia ringrazia per la stima e fa gli scongiuri!

E mentre ci si prepara alla sfida, dal Friuli arriva un'altra bella notizia. Nonostante un avvio non entusiasmante, negli ultimi giorni c'è stata una corsa al biglietto per la sfida tra l'Italrugby e gli Springboks. Sarà l'effetto San Siro, sarà la buona prova degli azzurri con gli All Blacks, fatto sta che la prevendita ha superato ieri i 30.000 biglietti venduti. Con una capienza di 34.000 persone, quindi, si va verso il secondo tutto esaurito di fila, con oltre 100.000 spettatori per i primi due test match autunnali.

I Video di Blogo