Berlusconi e Apicella in “C’è amore”

Berlusconi in questi giorni di vacanza a villa Certosa non studia solo le prossime mosse autunnali del governo (riforma della giustizia, legge elettorale per le europee e federalismo fiscale) ma prova anche a completare il suo terzo cd con Apicella che, se non sorgeranno problemi e quindi ritardi, potrà essere regalato ai nostri cari già

Berlusconi in questi giorni di vacanza a villa Certosa non studia solo le prossime mosse autunnali del governo (riforma della giustizia, legge elettorale per le europee e federalismo fiscale) ma prova anche a completare il suo terzo cd con Apicella che, se non sorgeranno problemi e quindi ritardi, potrà essere regalato ai nostri cari già a Natale.

Quattordici nuove canzoni (scritte dal premier in persona) tutte romantiche e legate alla tradizione napoletana. Ma, “niente politica”, promette Apicella. “Ho in mente – ha spiegato tempo fa – anche di fare delle contaminazioni jazz per rendere il soul partenopeo più moderno”.

Ieri, il menestrello di Arcore, ha anticipato uno stralcio del pezzo portante del cd: “C’è amore”. Eccolo:

“C’è amore che si accende,
come si accende una stella.
Che a forza di baci ti fa sentire bella.
C’è amore che ti sveglia quando la notte è scura
e fa da sentinella scacciando la paura.
C’è amore che confonde, che ti salta nel petto,
c’è amore che ti cerca solo per farti un dispetto”

Bello, poetico ma sono pronto a scommettere che non è dedicato a Veronica ….

Ultime notizie su Governo Italiano

Tutto su Governo Italiano →