Carolina Kostner è di bronzo ai Mondiali di Saitama 2014!!! Oro a Mao Asada, argento alla Lipnitskaia (VIDEO)

Sesta medaglia ai Mondiali per l’azzurra, 26° podio consecutivo!

[blogo-video provider_video_id=”xs5J_HRp1j4″ provider=”youtube” title=”Carolina KOSTNER (ITA) -FP-WC2014″ thumb=”” url=”http://www.youtube.com/watch?v=xs5J_HRp1j4″]

Ancora sul podio Carolina Kostner! Il terzo bronzo di quest’anno dopo quello europeo e quello olimpico, la sua sesta medaglia ai Mondiali dopo l’oro del 2012, gli argenti del 2008 e 2013 e i bronzi del 2005 e 2011. L’azzurra chiude dunque i Mondiali di pattinaggio di figura a Saitama al terzo posto con un punteggio totale di 203.83, frutto del 77.24 del programma corto, che è il nuovo record europeo, più i 126.59 punti guadagnati oggi nel libero. L’azzurra ha tentato il tutto per tutto, ha inserito una combinazione con un doppio triplo in apertura del free program dalla quale non è uscita benissimo e questo ha forse un po’ compromesso la presentazione. Alla fine è stata penalizzata infatti nel punteggio tecnico, solo 53.81, mentre come sempre alto quello per i components, 73.78.
Per Carolina Kostner è il 26° podio consecutivo: dai Mondiali di Torino 2010 non ha mai concluso una gara fuori dalla prime tre posizioni!

L’oro va alla padrona di casa Mao Asada, che al record del mondo di ieri nello short program (78.66) ha aggiunto oggi 138.03 punti. Pur commettendo qualche errore la giapponese ha ottenuto 65.27 nel tecnico e 72.76 nella presentazione e con un punteggio totale di 216.69 ha potuto festeggiare il suo terzo titolo mondiale dopo quelli del 2008 e del 2010. Mao ai Mondiali ha vinto anche un argento nel 2007 e un bronzo nel 2013.

Al secondo posto si è piazzata la campionessa europea Julia Lipnitskaia, grande delusa alle Olimpiadi (così come Mao Asada), che al 74.54 del programma corto oggi ha sommato 132.96 punti del programma libero. La giovanissima russa ha ottenuto 65.57 per gli elementi tecnici e 68.39 per la presentazione con una deduzione (che ha avuto anche Carolina) per una caduta su un salto triplo. Esordiente alla competizione iridata, la Lipnitskaia sale subito sul podio, ma ormai ci ha abituati, visto che era esordiente anche agli Europei e li ha vinti. Certo, le sue esibizioni non convincono ancora del tutto dal punto di vista artistico, ma è talmente giovane che non si può che immaginare che possa dominare in futuro.

L’altra azzurra in gara, Valentina Marchei, ha chiuso al 16° posto con un punteggio totale di 157,64. Applausi anche al pubblico giapponese, decisamente diverso (in positivo) rispetto a quello russo. Standing ovation, oltre che per la vincitrice, anche per Akiko Suzuki, sesta, che si ritira.
Il Giappone, lo ricordiamo, ha vinto anche il titolo maschile con Yuzuru Hanyu, ma anche l’Italia ha le sue due belle medaglie da festeggiare: oltre il bronzo di Carolina, l’oro di Anna Cappellini e Luca Lanotte.

Le prime otto posizioni del Mondiale 2014:

    1) Mao Asada (Giappone) 216.69
    2) Julia Lipnitskaia (Russia) 207.50
    3) Carolina Kostner (Italia) 203.83
    4) Anna Pogorilaya (Russia) 197.50
    5) Gracie Gold (Usa) 194.58
    6) Akiko Suzuki (Giappone) 193.72
    7) Ashley Wagner (Usa) 193.16
    8) Polina Edmunds (Usa) 187.50