Bari, armi, prostituzione, droga: 30 arresti nel capoluogo pugliese

Nel capoluogo pugliese sono stati eseguiti più di trenta ordini di arresto dalla Polizia di Stato. All’operazione hanno partecipato circa 180 poliziotti, unità cinofile e aeree

Questa mattina, alle prime luci dell’alba, è scattata un’operazione della Polizia di Stato a Bari. Secondo le prime notizie che arrivano dal capoluogo pugliese, sarebbero stati ben 180 gli uomini impiegati. La Squadra Mobile è entrata in azione con la collaborazione del Reparto Prevenzione Crimine, del Gabinetto Interregionale di Polizia Scientifica e di unità cinofile e aeree. Gli arrestati sono oltre 30.

Le accuse nei confronti dei fermati sono a vario titolo, di estorsione, associazione a delinquere, evasione dagli arresti domiciliari, detenzione illegale di armi, associazione per delinquere finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti, truffa ai danni dell’Inps, falso ideologico per induzione commessa da pubblico ufficiale, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione.

Le indagini, coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia di Bari, sono state avviate più di tre anni fa, nel marzo del 2012. E non solo hanno ottenuto il risultato di documentare e tracciare le attività criminali di alcuni gruppi malavitosi, ma hanno anche consentito di sequestrare 52 kg. di hashish, 10 kg. di marijuana, più di 4 kg. di cocaina, e 1 un kg. e mezzo di eroina.

La Questura si riserva di rendere noti ulteriori particolari in mattinata, in conferenza stampa.

I Video di Blogo