Partinico: arrestate moglie e figlia del boss Leonardo Vitale

Maria Gallina e la figlia Maria Vitale guidavano il clan dopo l’arresto del boss.

di remar

Operazione contro il clan di mafia Vitale a Partitico, alle porte di Palermo, con la polizia che stamattina ha arrestato la moglie e la figlia del presunto boss, attualmente in carcere, Leonardo Vitale.

In manette sono finite Maria Gallina, di 59 anni, e Maria Vitale, 40, moglie e figlia rispettivamente del ritenuto capobastone in galera per mafia. Secondo gli inqurirenti della Direzione distrettuale antimafia palermitana dopo l’arresto del boss le donne avevano preso le redini del clan, gestito come una sorta di “impresa di famiglia”.

Con i capi del clan dei “Fardazza” di Partinico in cella erano le arrestate che reggevano gli interessi della cosca. Secondo la polizia con il blitz di oggi è stata assestato un colpo a

una delle cosche mafiose più pericolose della provincia di Palermo.

Le accuse a carico di Maria Gallina e figlia sono di ricettazione in concorso aggravata dal metodo mafioso. Entrambe in passato erano già state accusate di associazione a delinquere di stampo mafioso in concorso con altri tra cui i capi dell’ala stragista dei Corleonesi, cioè Leonardo Vitale e il fratello Vito.

Per i pm le due donne farebbero parte di Cosa Nostra, di cui avrebbero sfruttato la forza di intimidazione del vincolo associativo e le condizioni di assoggettamento e omertà acquisendo anche il controllo su attività economiche e appalti pubblici.

.

Ultime notizie su Mafia

Tutto su Mafia →