Brindisi: litiga con la ragazza e si dà fuoco, morto 32enne

Fasano: la fidanzata del 32enne è stata iscritta nel registro degli indagati per omissione di soccorso.

di remar

morto fasano brindisi

È morto il 32enne di Copertino (Lecce) che si diede fuoco durante una lite con la fidanzata il 9 novembre scorso in una villetta di campagna nel brindisino. L’uomo era ricoverato nell’ospedale Perrino di Brindisi da una settimana, nel tardo pomeriggio di ieri è sopraggiunto il decesso a causa delle gravi ustioni riportate.

Il magistrato della procura brindisina che si occupa del caso ha disposto l’autopsia sul corpo dell’uomo, mentre la fidanzata del giovane è stata iscritta nel registro degli indagati per omissione di soccorso.

Dopo essersi dato alle fiamme ed essere stato soccorso l’uomo era stato sentito dai carabinieri ammettendo di aver appiccato il fuoco su se stesso usando del liquido infiammabile e un accendino perché voleva mettere in atto un gesto dimostrativo che è però degenerato andando oltre il suo controllo.

L’uomo, che viveva a Fasano, ai militari dell’Arma che lui stesso e non la ragazza chiamò dopo essersi dato alle fiamme, disse che la fidanzata aveva cercato di aiutarlo a spegnere il fuoco. L’avviso di garanzia spiccato a carico della donna sarebbe da intendere come un atto dovuto finalizzato all’eventuale nomina di un consulente di parte per assistere all’esame autoptico.

I Video di Blogo