Parigi-Nizza 2014, 6a tappa: bis di Betancur che prende anche la Maglia Gialla. Secondo Rui Costa (VIDEO)

Due vittorie consecutive per il colombiano dell’Ag2r La Mondiale.

Carlos Betancur non solo fa il bis alla Parigi-Nizza 2014, ma veste anche di giallo. Il colombiano dell’Ag2r La Mondiale, dopo la bella vittoria di ieri, ne ha conquistata un’altra oggi nella sesta tappa da Saint Saturnin lès Avignon a Fayence, lunga 221,50 km.

Fondamentale è stato il suo scatto nel finale che gli ha permesso di bruciare il campione del mondo della Lampre-Merida Alberto Rui Costa che si era avvantaggiato di qualche metro approfittando della caduta di Alexis Vuillermoz, altro uomo dell’Ag2r, che aveva guadagnato la testa negli ultimi chilometri dopo numerosi attacchi.

La fuga più lunga della giornata è stata quella condotta da dieci uomini: Mattia Cattaneo della Lampre-Merida, Alessandro De Marchi della Cannondale (che si è anche aggiudicato il traguardo volante di Fayence), Jens Keukelerie dell’Orica GreenEDGE, Florian Vachon della Bretagne-Séché Environnement, Aleksandr Kuschynski della Katusha, Grégory Rast della Trek, Giovanni Bernadeau della Europcar, Pim Ligthart della Lotto Belisol, Stephen Cumming della BMC e Adrien Petit della Cofidis. A loro, che a 60 km dall’arrivo avevano 2′ 10″ di vantaggio dal gruppo, si sono aggiunti altri due francesi, Sylvain Chavanel della IAM e Thomas Voeckler della Europcar, grandi protagonisti anche ieri.

A una trentina di chilometri dall’arrivo proprio Chavanel e Voeckler con De Marchi e Ligthart sono rimasti in testa da soli. Poi dieci chilometri dopo il gruppetto al comando è di nuovo cambiato, composto da Chavanel, José Rodolfo Serpa della Lampre-Merida e Alexis Vuillermoz dell’Ag2r. Poco dopo Chavanel è rimasto indietro, poi a 20 km dal traguardo il gruppo ha riassorbito tutti i fuggitivi e sono partiti continui attacchi e contrattacchi. In discesa si sono fatti notare Damiano Caruso della Cannondale e Vincenzo Nibali dell’Astana, ma nell’ultimo chilometro è stato Vuillermoz a prendere l’iniziativa, seguito da Tom Jelte Slagter, vincitore della quarta tappa, e soprattutto da Rui Costa, Stybar e Bentacur che si sono poi giocati la vittoria con il colombiano che ha ancora una volta avuto la meglio su tutti.

Ecco i primi dieci arrivati al traguardo della sesta tappa:

    1) Carlos Alberto Betancur Gomez (Colombia) AG2R La MondialE 5h 12′ 11″
    2) Rui Alberto Faria Da Costa (Portogallo) Lampre-Merida s.t.
    3) Zdenek Stybar (Repubblica Ceca) Omega Pharma – Quick Step +3″
    4) Geraint Thomas (Gran Bretagna) Team Sky +3″
    5) Arthur Vichot (Francia) FDJ.fr +3″
    6) Cyril Gautier (Francia) Team Europcar +7″
    7) Jakob Fuglsang (Danimarca) Astana Pro Team +7″
    8) Tony Gallopin (Francia) Lotto Belisol +7″
    9) Stefan Denifl (Austria) IAM Cycling +7″
    10) Gorka Izaguirre Insausti (Spagna) Movistar Team +11″

E queste le prime dieci posizioni della classifica generale quando mancano solo due tappe:

    1) Carlos Alberto Betancur Gomez (Colombia) AG2R La Mondiale 27h 04′ 48″
    2) Geraint Thomas (Gran Bretagna) Team Sky +8″
    3) Rui Alberto Faria Da Costa (Portogallo) Lampre-Merida +18″
    4) Zdenek Stybar (Repubblica Ceca) Omega Pharma – Quick Step +22″
    5) Jose Joaquin Rojas Gil (Spagna) Movistar Team +24″
    6) Jakob Fuglsang (Danimarca) Astana Pro Team +25″
    7) Arthur Vichot (Francia) FDJ.fr +27″
    8) Jan Bakelants (Belgio) Omega Pharma – Quick Step +29″
    9) Cyril Gautier (Francia) Team Europcar +31″
    10) Stefan Denifl (Austria) IAM Cycling +31″

Betancur è anche il migliore della classifica giovani, anche se la Maglia Bianca la indosserà il secondo, Sébastien Reichenbach della IAM, mentre la Maglia Verde della classifica a punti è ancora di John Degenkolb della Giant-Shimano e quella a pois del miglior scalatore è di Sylvain Chavanel.
Vincenzo Nibali al momento è 23° in classifica generale, a 1′ 05″ da Betancur.