Parigi-Nizza 2014: Nacer Bouhanni si aggiudica la prima tappa. Settimo Wakermann

Secondo Degenkolb e terzo Meersman. Primo degli italiani è Luca Wackermann, settimo.

[blogo-video provider_video_id=”TjaUYZ93Ej8″ provider=”youtube” title=”Parcours Paris-Nice 2014″ thumb=”” url=”http://www.youtube.com/watch?v=TjaUYZ93Ej8″]

Come l’anno scorso è di nuovo Nacer Bouhanni ad aggiudicarsi la prima tappa della Parigi-Nizza. Nella passata stagione la prima frazione portò i ciclisti da Saint Germain en Laye a Nemours, questa volta invece sono partiti e arrivati a Mantes la Jolie, un percorso lungo 162,5 km e che, come ci si aspettava, si è concluso con una volata di gruppo.

Bouhanni ha avuto la meglio nello sprint finale su John Degenkolb del Team Giant-Shimano e su Gianni Meersman dell’Omega Pharma-Quick Step, ma oggi si sono fatti notare anche gli italiani: ne troviamo quattro di quattro squadre diverse tra i primi dieci, in pratica dalla settima alla decima posizione sono tutti azzurri. Il migliore è stato Luca Wakermann della Lampre-Merida, settimo al traguardo e ora decimo in classifica generale (che tiene conto degli abbuoni guadagnati agli sprint durante la tappa), poi Fabio Felline della Trek, Fabio Sabatini della Cannondale e Francesco Gavazzi dell’Astana.

Bouhanni oltre alla Maglia Gialla di leader della classifica generale ha conquistato oggi anche quella verde della classifica a punti (che però sarà indossata da Meersman), e la bianca del miglior giovane che andrà sulle spalle di Degenkolb. La maglia a pois va a Christophe Laborie della Bretagne-Seche Environnment che ha conquistato otto punti transitando per primo su entrambi i passaggi sulla Côte de Vert.

La tappa di oggi è stata caratterizzata da un fastidioso vento e numerose cadute. Christophe Laborie è stato protagonista di una lunga fuga che lo ha portato ad avere oltre 10′ 30″ di vantaggio, ma a 50 km dall’arrivo è stato ripreso e anche se il plotone si è diviso in due con oltre una quarantina di corridori rimasti indietro, alla fine si è ovviamente deciso tutto in volata nel gruppo più numeroso. Da registrare, purtroppo, un abbandono importante, quello di Tejay van Gaarderen della BMC, uno dei pretendenti alla vittoria finale, che però si è dovuto ritirare a causa di problemi allo stomaco.

Ecco i primi dieci all’arrivo della prima tappa:

    1) Nacer Bouhanni (Fra) FDJ.fr 3h 53′ 11″
    2) John Degenkolb (Ger) Team Giant-Shimano s.t.
    3) Gianni Meersman (Bel) Omega Pharma – Quick-Step Cycling Team s.t.
    4) Jose Joaquin Rojas Gil (Spa) Movistar Team s.t.
    5) Tyler Farrar (USA) Garmin Sharp s.t.
    6) Bryan Coquard (Fra) Team Europcar s.t.
    7) Luca Wackermann (Ita) Lampre-Merida s.t.
    8) Fabio Felline (Ita) Trek Factory Racing s.t.
    9) Fabio Sabatini (Ita) Cannondale s.t.
    10) Francesco Gavazzi (Ita) Astana Pro Team s.t.

E questa la classifica generale con gli abbuoni:

    1) Nacer Bouhanni (Fra) FDJ.fr 3h 53′ 01″
    2) Gianni Meersman (Bel) Omega Pharma – Quick-Step Cycling Team +1″
    3) John Degenkolb (Ger) Team Giant-Shimano +4″
    4) Greg Van Avermaet (Bel) BMC +8″
    5) Geraint Thomas (Gbr) Team Sky +9″
    6) Sulvain Chavanel (Fra) IAM + 9″
    7) José Joaquin Rojas Gil (Spa) Movistar +10″
    8) Tyler Farrar (USA) Garmin Sharp +10″
    9) Bryan Coquard (Fra) Europcar +10″
    10) Luca Wakermann (Ita) Lampre-Merida +10″