Rugby&Regole – In Toscana non ne imbroccano una, ma gli arbitri sono anche peggio

Inizio di stagione molto particolare per le formazioni toscane. Prato e Firenze, per esempio. Ottimo avvio sul campo, grandi risultati, soddisfazioni e poi… e poi cadono per delle assurdità incredibili. Dopo la sconfitta a tavolino della squadra del Super 10 contro Treviso, con conseguente penalizzazione in termini di punti, causata dalla presenza in campo, negli

Inizio di stagione molto particolare per le formazioni toscane. Prato e Firenze, per esempio. Ottimo avvio sul campo, grandi risultati, soddisfazioni e poi… e poi cadono per delle assurdità incredibili. Dopo la sconfitta a tavolino della squadra del Super 10 contro Treviso, con conseguente penalizzazione in termini di punti, causata dalla presenza in campo, negli ultimi minuti, di un giocatore squalificato, ecco che anche gli "odiati" cugini di Firenze ne combinano una grossa. Grossissima. Con la complicità dell'ennesima terna arbitrale incapace di gestire anche solo il più banale degli incontri.

I loro nomi sono Domenico Sironi di Colleferro, Angelo Marchesin e Beniamino Zanette di San Donà del Piave. Cioé l'arbitro e gli assistenti del match Badia-Firenze. Ma cosa è successo a Badia domenica scorsa?
Il match tra Badia e Firenze è stato molto combattuto, acceso e ha portato il signor Sironi a estrarre diversi cartellini durante il match. Si inizia al 22' del primo tempo, con il fiorentino Rios invitato ad accomodarsi fuoricampo per dieci minuti. Al 39', poi, è la volta di Bonini, del Badia, a vedere il cartellino giallo. La ripresa, anche complice il punteggio in bilico, si fa più dura e al 22' è il veneto White a uscire dieci minuti. Stesso minuto per il primo rosso del match, al fiorentino Gambineri. Ne passano altri sette e Firenze finisce in 13 per l'ammonizione a Cingolani. Sironi, probabilmente, perde il pallottoliere e non capisce più molto. Al 33' è il giocatore del Badia Zarattini a venir punito con il rosso e chiudere il match anticipatamente. Ed ecco il fattaccio. Mancano quattro minuti al termine, Rios, già ammonito nel primo tempo, prende un altro giallo che, automaticamente diventa rosso. Firenze dovrebbe avere solo 12 effettivi in campo. 13 con il ritorno, a tempo quasi scaduto, di Cingolani. Ma secondo Badia e secondo le riprese video non è così. La partita finisce con gli ospiti comodamente in 14 in campo. E nessuno della terna arbitrale ha notato nulla, nonostante i fischi e le contestazioni dagli spalti, dove l'errore era evidente.

Malafede del Firenze? Spero di no, anche se la società ha negato il fatto anche di fronte all'evidenza. Incompetenza di un arbitro di Super 10 come Sironi? Probabile, ma vista la classe arbitrale italiana non è una novità. Pressapochismo e dilettantismo diffuso? Sicuramente, visto che non è la prima volta, né sarà l'ultima, che vi sono pasticci simili su un campo da rugby. Ah, a proposito. Chiedete a un qualsiasi arbitro come funziona la nuova regola dei 23 giocatori a referto. Chi può entrare, quanti possono venir sostituiti, quando e come? Vedrete sguardi persi nel nulla e risposte vaghe e diverse. Già, perché i primi a non capire le nuove regole sono quelli che le devono far rispettare. E vogliamo che il movimento cresca?

I Video di Blogo