Guinness Premiership – London rules!

E’ grande Londra nel massimo campionato inglese. Tre delle quattro formazioni della capitale, infatti, guidano la classifica della Guinness Premiership dopo tre turni e fanno da contraltare al pessimo avvio della quarta compagnine londinese, gli Harlequins, tristemente ultimi. Vince, ma non convince, Leicester che in questo avvio di stagione non ha ancora marcato una meta.

E' grande Londra nel massimo campionato inglese. Tre delle quattro formazioni della capitale, infatti, guidano la classifica della Guinness Premiership dopo tre turni e fanno da contraltare al pessimo avvio della quarta compagnine londinese, gli Harlequins, tristemente ultimi. Vince, ma non convince, Leicester che in questo avvio di stagione non ha ancora marcato una meta. Nuova sconfitta e aria di crisi, invece, in casa Gloucester.

Dura mezz'ora il fortino degli Sharks prima che Bath trovi la combinazione e la prima vittoria stagionale. Una meta nel primo tempo e un uno-due a inizio ripresa, firmato Banahan-Carraro (autore anche della prima segnatura), bastano a Bath per espugnare il campo degli Sharks e risalire piano la classifica.
Avevano vinto alla grande all'esordio, ma sembra sempre più una rondine che non fa primavera. Gloucester viene battuto senza problemi in casa dai Saints che salgono in quarta posizione e confermano le belle cose già viste l'anno scorso. Inizia subito forte Northampton con una meta all'avvio di Tonga'uiha, ma è soprattutto il piede di Geraghty a fare la differenza. Unica nota positiva, in chiave azzurra, la presenza da titolare di Marco Bortolami, in campo per Gloucester per 80'.
E' supplizio infinito per gli Harlequins, sempre più orfani del genio (e slealtà) di Dean Richards. Nel derby contro i Sarries i Quins subiscono la terza lezione e sono sempre più soli in fondo alla classifica. Iniziano bene gli Harlequins con il piede di Nick Evans, ma poi sale in cattedra Hougaard e la meta di Ratuvou taglia le gambe ai padroni di casa. Lo scandalo sangue sembra costare sempre di più ai Quins che hanno bisogno disperato di un nuovo coach per raddrizzare una stagione che si prospetta difficilissima.
Seconda vittoria senza mete segnate per i Leicester Tigers che portano a casa quattro punti grazie al piede preciso di Staunton. Battuti i Falcons, reduci da due pareggi, e quarto posto in classifica raggiunto per le Tigri che schieravano titolare il pilone azzurro Martin Castrogiovanni, sostituito al 59'.
Dominano e salgono al terzo posto i London Irish, che non faticano a liberarsi in trasferta del neopromosso Leeds. Sette mete, e tripletta di Thompstone, bastano e avanzano agli Exiles per portarsi a un solo punto dalla vetta, alle spalle dei cugini Wasps e Saracens.
Proprio i London Wasps chiudono la giornata con una vittoria casalinga contro Worcester. Di Betsen e Varndell le mete, mentre a mettere il sigillo sul successo delle Vespe è il piede di Danny Cipriani.

Guinness Premiership – Terza giornata
Sale Sharks – Bath 12-25
Gloucester – Northampton Saints 14-27
Harlequins – Saracens 9-22
Leicester Tigers – Newcastle Falcons 15-6
Leeds Carnegie – London Irish 7-56
London Wasps – Worcester Warriors 23-3

Guinness Premiership – Classifica
London Wasps, Saracens 12; London Irish 11; Leicester Tigers, Northampton Saints 9; Sale Sharks 6; Worcester Warriors, Bath 5; Newcastle Falcons, Gloucester 4; Leeds Carnegie 2; Harlequins 1

I Video di Blogo

Il video degli sciatori ammassati nella funivia a Cervinia