Mestre, pestato a sangue da un gruppo di ragazzi: 64enne in gravi condizioni

Un uomo di 64 anni è ricoverato in gravi condizioni in ospedale dopo esser stato pestato a sangue da un gruppo di ragazzetti a Mestre. I responsabili sono stati identificati e denunciati a piede libero.

Ci sarebbe una lite per futili motivi alla base del violento pestaggio avvenuto domenica sera a Mestre (Venezia) ai danni di un uomo di 64 anni, la cui unica “colpa” è stata quella di suonare il clacson della propria auto per far spostare un gruppetto di ragazzi che stava bloccando il passaggio.

L’uomo, riferisce il Gazzettino, stava rientrando a casa insieme alla sorella quando, in via Verdi, si è trovato la strada sbarrata da sei giovani, che stavano conversando proprio al centro della carreggiata. Il 64enne ha dato un colpo di clacson, ma la reazione dei giovani non è stata quella che si aspettava.

Uno di loro si è avvicinato all’auto e, attraverso il finestrino aperto, ha sferrato un pugno in pieno volto all’uomo. Lui, spaventato, ha rimesso in moto la vettura ed ha fuggito alla volta della sua abitazione, ma i giovani si sono messi in auto e l’hanno inseguito.

Lo scontro è avvenuto nel giardino condominiale dell’abitazione del 64enne. I giovani, almeno 5-6 persone di età compresa tra i 20 e i 25 anni, si sono scagliati sull’uomo, colpendolo con calci e pugni. Poi, terminato il pestaggio, si sono rimessi in auto e sono fuggiti. La sorella della vittima, che ha assistito a tutta la scena, è però riuscita a prendere il numero della targa dell’automobile, permettendo così l’identificazione a tempo record dei responsabili.

Ora, mentre il 64enne è ricoverato in gravi condizioni all’ospedale dell’Angelo – ha riportato un profondo ematoma per il trauma cranico ed è stato posto in coma farmacologico – i sei responsabili sono stati identificati e denunciati a piede libero per lesioni gravissime.

Foto | ©TMNews