Andria, maltrattamenti e minacce ai bambini: arrestata maestra 52enne

La donna si trova ora agli arresti domiciliari. Ad incastrarla sono stati i filmati delle violenze, registrati a sua insaputa.

[blogo-video id=”182570″ title=”Andria, insegnante picchia gli alunni, Arrestata dalla Polizia” content=”” provider=”brid” video_brid_id=”” video_original_source=”” image_url=”https://s3.eu-west-1.amazonaws.com/video.blogo.it/thumb/WybsSbBv-640.jpg” thumb_maxres=”0″ url=”238224″ embed=”PGRpdiBpZD0nbXAtdmlkZW9fY29udGVudF9fMTgyNTcwJyBjbGFzcz0nbXAtdmlkZW9fY29udGVudCc+PGlmcmFtZSBjbGFzcz0nbXBfdmlkZW9fdGhlbWUgaWZyYW1lX19tcF92aWRlb190aGVtZScgc3JjPSJodHRwczovL2NyaW1lYmxvZy5hZG1pbi5ibG9nby5pdC92cC8xODI1NzAvIiBhbGxvd2Z1bGxzY3JlZW49InRydWUiIHdlYmtpdGFsbG93ZnVsbHNjcmVlbj0idHJ1ZSIgbW96YWxsb3dmdWxsc2NyZWVuPSJ0cnVlIiBmcmFtZXNwYWNpbmc9JzAnIHNjcm9sbGluZz0nbm8nIGJvcmRlcj0nMCcgZnJhbWVib3JkZXI9JzAnIHZzcGFjZT0nMCcgaHNwYWNlPScwJz48L2lmcmFtZT48c3R5bGU+I21wLXZpZGVvX2NvbnRlbnRfXzE4MjU3MHtwb3NpdGlvbjogcmVsYXRpdmU7cGFkZGluZy1ib3R0b206IDU2LjI1JTtoZWlnaHQ6IDAgIWltcG9ydGFudDtvdmVyZmxvdzogaGlkZGVuO3dpZHRoOiAxMDAlICFpbXBvcnRhbnQ7fSAjbXAtdmlkZW9fY29udGVudF9fMTgyNTcwIC5icmlkLCAjbXAtdmlkZW9fY29udGVudF9fMTgyNTcwIGlmcmFtZSB7cG9zaXRpb246IGFic29sdXRlICFpbXBvcnRhbnQ7dG9wOiAwICFpbXBvcnRhbnQ7IGxlZnQ6IDAgIWltcG9ydGFudDt3aWR0aDogMTAwJSAhaW1wb3J0YW50O2hlaWdodDogMTAwJSAhaW1wb3J0YW50O308L3N0eWxlPjwvZGl2Pg==”]

Schiaffi, minacce, insulti e spintoni ai bimbi che quotidianamente le venivano affidati. Per questo una maestra di scuola elementare di Andria, una donna di 52 anni, è finita in manette oggi, accusata di maltrattamenti aggravati.

L’inchiesta è partita dopo la segnalazione di alcuni genitori risusciti a raccogliere le confessioni dei propri figli terrorizzati dal tornare in classe. Le telecamere installate di nascosto dagli inquirenti ha confermato tutto, documentando nel dettaglio le violenze che i piccolo studenti erano costretti a subire.

La donna non si faceva alcun problema a lanciare libri contro i giovanissimi, prenderli a schiaffi, spintonarli e umiliarli verbalmente. Lo faceva ogni giorno, come confermato dagli inquirenti che hanno parlato chiaramente di minacce, insulti, percosse ed umiliazioni quale trattamento ordinario e quotidiano dei minori, in particolare di coloro che mostravano difficoltà nell’apprendimento o maggiore propensione alla distrazione.

Oggi, prove alle mano, la donna è finita in manette in attesa del completamento delle indagini. Come disposto dal gip tranese Maria Grazia Caserta, la 52enne è finita agli arresti domiciliari, ben lontana dalla scuola in cui avrebbe seminato il terrore per anni.