A Milano record per le tasse locali

È Milano la città italiana con la pressione fiscale più alta, almeno per quanto riguarda tributi, tasse e imposte locali. Lo sostiene la Cgia di Mestre, l’Associazione artigiani e piccole imprese che, attraverso il proprio ufficio studi, ha analizzato il peso dei tributi locali.Un cittadino di Milano – secondo i risultati – nel 2005 ha

di

È Milano la città italiana con la pressione fiscale più alta, almeno per quanto riguarda tributi, tasse e imposte locali. Lo sostiene la Cgia di Mestre, l’Associazione artigiani e piccole imprese che, attraverso il proprio ufficio studi, ha analizzato il peso dei tributi locali.

Un cittadino di Milano – secondo i risultati – nel 2005 ha pagato 2.082,23 euro contro una media nazionale di 1.434,13 euro. La terza in classifica (tolta Venezia che può contare anche sulle entrate del Casinò e dunque offre risultati falsati) è Aosta, con 1967,83 euro.

A imposte locali – regionali, provinciali e comunali – più alte corrispondono, in linea teorica, servizi migliori. Dunque il punto non è se a Milano si paghi tanto o poco, ma se in cambio di questi soldi riceviamo servizi migliori o peggiori di altre città. A voi la risposta.