Marina Berlusconi scrive al Giornale e attacca Ingroia e i media

“E’ stato un inferno mediatico”

Quale fosse la ragione per cui il 9 luglio i pm di Palermo hanno deciso di convocare Marina Berlusconi nell’ambito della trattativa Stato-Mafia ce lo siamo chiesto in tanti, ma che un interrogatorio in qualità di “persona offesa” e “persona informata dei fatti” potesse trasformarsi in un inferno mediatico – in cui la Berlusconi è stata vittima di una mostruosa macchina di sospetti e insinuazioni – non ce lo saremmo aspettati. Eppure le cose sono andate così. O meglio: questa è la versione che la figlia prediletta di Silvio Berlusconi ha raccontato in una lettera al quotidiano di famiglia, il Giornale.

Vorrei racconta­re una storia che qualcuno chiamerà di giustizia ma che rappresenta l’esatto con­trario ­di quella che io ritengo dovrebbe es­sere la giustizia. Niente di nuovo, per cari­tà e purtroppo, ma un problema di tutti, un problema che mina le fon­damenta del vivere civile. Ma perché la Procura di Paler­mo è interessata a sentire proprio me su questo cumulo di assurdi­tà? Sempre dai giornali apprendo che si parla di un conto cointesta­to mio e di mio padre, da cui sareb­bero partiti due dei bonifici indi­rizzati a Dell’Utri e a suoi famiglia­ri. Io però di questo conto non ri­cordo neppure l’esistenza. Faccio le verifiche, e in effetti emerge che è esistito fino a sette anni fa, anche se non ne ho mai avuto la disponi­bilità. Che cosa devo andare a dire allo­ra alla Procura di Palermo? Che di questo conto non ricordo assolu­tamente nulla? Che peraltro non trovo nulla di strano nel fatto che mio padre senta, di­rei, il dovere di sostenere un prezioso col­laboratore il quale è improv­visamente sprofondato in un incu­bo che da quasi vent’anni lo co­stringe a trascinarsi da un tribuna­le a una Procura, un incubo che gli ha rovinato non solo la carriera ma anche la vita, un incubo che è guarda caso comparso in contem­poranea con la discesa in campo di mio padre? È la pura verità.


Da notare come Marina Berlusconi abbia appreso completamente le doti affabulatorie del padre e le ricicli con perizia. Per cui “la giustizia è il contrario di quello che dovrebbe essere”, l’inchiesta su Dell’Utri è causata dalla macchina giudiziaria che lotta contro Berlusconi, Dell’Utri all’improvviso deve trascinarsi da un tribunale a una procura, come se vivessimo in un mondo kafkiano in cui uno viene perseguitato dai pm senza che mai si scopra la ragione. No, la ragione c’è: Dell’Utri è stato indagato, condannato, assolto, per avere avuto rapporti diretti con la mafia. E Marina Berlusconi è stata convocata perché molti soldi destinati a Dell’Utri sono partiti da un conto intestato anche a lei. Perché questo dovrebbe essere un “cumulo di assurdità”?.

Ma dalla contestazione nel merito dell’inchiesta, nella lettera la Berlusconi passa a contestare il metodo e la gogna mediatica a cui si è sentita sottoposta:

Rispondo a tutte le domande (una ventina di minu­ti complessivamente), riparto sen­za dire nulla- rispettosa del segre­to di indagine – alla stampa che qualcuno mi ha fatto trovare schie­rata in forze all’uscita. Risultato? Nel giro di poche ore mi vedo precipitata nell’inferno mediatico. Nei tg della sera la mia foto si mescola con quelle dei boss e di orribili stragi, tutto tenuto in­sieme da una parola che mi mette i brividi solo a pronunciarla: ma­fia. Peggio avviene con i giornali di stamane. Ben forniti dai soliti noti «ambienti giudiziari» di mez­ze verità e bugie intere, mi descri­vono come una teste evasiva o che aveva l’unica preoccupazione di evitarsi problemi. Eccola qui l’al­ternativa folle, assurda, inaccetta­bile: o menti, raccontando quello che da te si vorrebbe sentire an­che se non è vero, o dici la verità e allora cominciano a circondarti il sospetto e le insinuazioni. E ricor­diamoci che stiamo parlando di quanto c’è di più terribile, la ma­fia.

Quale tortura! Venti minuti di interrogatorio con quell’inquisitore pazzo di Ingroia e i suoi collaboratori per poi trovarsi affiancata alle immagini di boss e stragisti. Come se gli italiani non fossero in grado di distinguere tra chi quelle stragi le ha ordinate e chi viene interrogato solo perché potrebbe conoscere fatti rilevanti. Signora Berlusconi, nessuno pensa che le sia una mafiosa e se viene definita teste vaga è solo perché le sue risposte sono state vaghe, com’era inevitabile che fosse visto che – come dice lei – non sapeva e non ricordava di cosa si stesse parlando. Non c’è nessuna insinuazione in questo.

Questa degenerazione non è un problema di singoli, pochi o tanti che siano, ma un problema di tutti, un problema che mina le fondamenta del vivere civile. Che cosa ha a che vedere tutto questo con la giustizia? A che cosa servono le regole e le norme approntate proprio per evitare soprusi se, anche quan­do vengono formalmente rispet­tate, basta di fatto un articolo di giornale ad aggirarle e vanificar­le? E questa mostruosa macchi­na è compatibile con il funziona­mento della democrazia?

Che la presidente del primo gruppo editoriale italiano scriva una lettera a un Giornale di proprietà della sua famiglia – Giornale che ha causato le dimissioni di un direttore per un’informativa falsa (Boffo) e fatto centinaia di titoli per casi che sono finiti nel nulla (Telekom Serbia e il faccendiere Marini, il caso Mitrokhin, la casa di Montecarlo di Fini) – per lamentarsi degli intrecci tra media e giustizia fa un po’ ridere e un po’ pena. Ma a parte questo, la “mostruosa macchina” ha semplicemente convocato a Palermo Marina Berlusconi per un interrogatorio che poi i giornali hanno raccontato ognuno secondo il proprio punto di vista (e infatti Il Giornale l’ha difesa). Che cosa mina le fondamenta del vivere civile? Cosa c’è di incompatibile con il funzionamento della democrazia?

Foto | © TM News

I Video di Blogo

Ultime notizie su Governo Italiano

Tutto su Governo Italiano →