Omicidio Melania Rea: donna super testimone potrebbe aver visto tutto

Omicido Melania Rea: Saverio Lolli conferma la presenza di un super testimone donna che avrebbe visto tutto quello avvenuto il pomeriggio del 18 aprile nell’area del parco giochi di Colle San Marco prima della scomparsa della moglie di Salvatore Parolisi

All’agenzia di stampa Agi, Saverio Lolli, una delle persone che ha trascorso il pomeriggio del 18 aprile nell’area del parco giochi di Colle San Marco, ha rivelato che una donna potrebbe essere il super testimone oculare del delitto di Melania Rea, trovata morta mercoledi’ 30 aprile 2011 a 8 chilometri di distanza, nel bosco di Ripe di Civitella (Teramo), sempre sulla Montagna dei Fiori:

Una donna che era insieme ai bambini sul Pianoro di Colle San Marco nel primo pomeriggio di lunedi 18 aprile, non e’ mai stata ascoltata dagli investigastori in relazione al caso dell’omicidio di Melania Rea.

Secondo l’uomo (più volte ascoltato dai pm di Ascoli che hanno investigato sul caso), la donna dall’identità ancora sconosciuta, assieme ad un gruppo di bambini nella zona delle altalene, potrebbe confermare la presenza (o meno) della mamma di Somma Vesuviana, fornendo una ricostruzione scrupolosa dei fatti avvenuti in quel tragico pomeriggio.

Infatti, ad oggi, è solo il marito Salvatore Parolisi a sostenere di essersi trovato in quell’area (con la figlioletta Vittoria) al momento della scomparsa di Melania, che si sarebbe allontanata per andare in bagno e disolversi nel nulla senza una spiegazione plausibile. Nel frattempo, gli avvocati del Caporal maggiore (detenuto a Teramo) stanno preparando la sua difesa, convinti che il loro assistito verrà assolto:

Già il 20 settembre i periti nominati dal Giudice per il caso Parolisi dovrebbero depositare la loro perizia ed il successivo 29 settembre ci sarà la prima udienza di discussione sui risultati e poi a seguire ogni venerdì fino alla conclusione del processo … Parolisi è consapevole di tutto quello che sta succedendo, anche sotto l’aspetto processuale, poiché non ha perso neanche un minuto delle udienze ed è estremamente fiducioso di vedere riconosciuta la propria innocenza. D’altronde noi difensori, grazie al preziosissimo lavoro dei nostri consulenti, abbiamo ricostruito nel dettaglio ogni singolo minuto che va dal 18 aprile fino al rinvenimento del cadavere della povera Melania e siamo certi di offrire al giudice la prova dell’assoluta impossibilità che Salvatore possa essere ritenuto responsabile dell’omicidio di cui è accusato.

Certo che se Parolisi fosse assolto, le indagini dovrebbero ripartire quasi completamente da zero cercando di delineare nuovi scenari, possibili moventi e presunti colpevoli perché si metta definitivamente la parola fine ad una delle più inspiegabili morti della cronaca italiana.

Foto | TM News

I Video di Blogo

Ultime notizie su Cold Case

Tutto su Cold Case →