Virus A, a Londra niente voli per chi ha sintomi: in Italia allarmismo giustificato?

A Londra è caccia agli untori. Dopo che il virus della nuova influenza ha colpito Downing Street, con uno dei consulenti del primo ministro britannico Gordon Brown contagiato, la Gran Bretagna ha aumentato le misure di sicurezza.  Oltremanica negli aeroporti gli addetti al check-in di British Airways e Virgin Atlantic potranno rifiutarsi di far imbarcare

A Londra è caccia agli untori. Dopo che il virus della nuova influenza ha colpito Downing Street, con uno dei consulenti del primo ministro britannico Gordon Brown contagiato, la Gran Bretagna ha aumentato le misure di sicurezza

Oltremanica negli aeroporti gli addetti al check-in di British Airways e Virgin Atlantic potranno rifiutarsi di far imbarcare i passeggeri che mostrano sintomi simili a quelli dell'influenza A, come occhi lucidi, tosse e dolori muscolari. E chi risulterà malato e sprovvisto di certificato medico, dovrà tornare a casa. "Il nostro personale è addestrato a riconoscere i sintomi della nuova influenza o di altre malattie contagiose. Il personale può rivolgersi ad un medico e a chi è affetto da nuova influenza non verrà concesso di viaggiare", ha detto un portavoce di British Airways al Sunday Times, sottolineando di aver già vietato l'imbarco ad alcune persone.

Ma non è tutto. Chi non viene bloccato in partenza, potrebbe comunque trovarsi in quarantene nel Paese di arrivo.Thailandia e Cina hanno già installato degli scanner per il controllo della temperatura corporea per identificare i passeggeri che hanno la febbre.

In Italia, invece, non è il momento di fare allarmismo. Il Paese non è tra quelli a rischio indicati dall'Oms. Nei nostri scali solo opuscoli informativi per chi è diretto in Usa, Gran Bretagna e Messico e medici pronti a rispondere ai dubbi dei passeggeri. Troppo presto anche per programmare misure quali il rinvio dell'apertura delle scuole, chiesto sabato dal vice ministro della Salute Ferruccio Fazio. Per ora, ha spiegato il ministro della Pubblica amministrazione Renato Brunetta, "Non c'è nulla per allarmarsi. Le autorità sanitarie sono attrezzate per risponde a qualsiasi evenienza".

I Video di Blogo.it