Nadal infortunato alla schiena, da valutare l’entità dello stop

Nadal infortunato alla schiena. Il tennista iberico soffrirebbe di un’elongazione dei muscoli vertebrali.

Brutte notizie per Rafa Nadal. Lo avevamo lasciato domenica scorsa, scuro in volto, durante la cerimonia di premiazione della finale degli Australian Open persa in quattro set da Wawrinka. Un match che non c’è stato. Senza nulla togliere ai meriti indiscussi dell’elvetico, quella partita sarà ricordata anche per l’infortunio alla schiena che, di fatto, ha precluso a Rafa la possibilità di competere ad armi pari contro un avversario in forma smagliante.

A margine della sfida, Nadal ha rivelato in conferenza stampa di aver cominciato a sentire dolore alla schiena già durante il riscaldamento. Poi, la situazione si aggravata dopo un movimento brusco al servizio nel corso del secondo set, perso senza opporre resistenza. Rafa non ha voluto ritirarsi, conscio anche che il dolore, forse, non era collegato a un infortunio di grave entità.

Al rientro in patria, il numero uno al mondo si è sottoposto, a Barcellona, agli accertamenti clinici del caso. Il referto non è dei più incoraggianti. Nadal soffrirebbe di un’elongazione dei legamenti vertebrali. Dopo un breve periodo di riposo, Rafa si sottoporrà a un trattamento a base di infiammatori e fisioterapia in modo da agevolare il recupero. Da valutare l’entità dello stop.

L’infortunio rende, comunque, alquanto incerta la sua partecipazione all’Atp 250 di Buenos Aires al via il prossimo 11 febbraio, prima tappa del tour sudamericano che proseguirà la settimana seguente con il neonato Atp 500 di Rio de Janeiro. Entrambi i tornei si disputeranno su terra battuta e precederanno i primi due Master Mille dell’anno in programma a Indian Wells e Miami.

I Video di Blogo

Ronstan Bridge to Bridge 2010