Australian Open 2014: un grande Federer elimina Tsonga, ai quarti Nadal, Dimitrov e Murray, i risultati di lunedi 20 gennaio

Federer domina Tsogna e conquista i quarti degli Australian Open 2014. Affronterà Murray. Passano anche Nadal e Dimitrov. I risultati di lunedì 20 gennaio

Un grande, grandissimo Federer si qualifica ai quarti di finale battendo Tsonga in tre rapidi set con il punteggio di 6-3; 7-5; 6-4. Fantastica la prestazione dell’elvetico che non si vedeva disputare un match a livelli simili da Wimbledon 2012. Inizio scoppiettante di Roger che incamera un break immediato nel primo turno al servizio di Tsonga. Roger sprigiona tutto il suo campionario di colpi e il francese si ritrova rapidamente sotto 4-1, preludio al 6-3. Il secondo set è un manifesto per questo sport. Merito anche di Tsonga che gioca alla pari con un Federer infallibile. Solidissimo il rendimento al servizio di Roger che concede solo tre punti in battuta e punisce l’avversario con un break chirurgico sul 5-5. Il tutto in poco più di un’ora di gioco. Frustrato dall’assolo rossocrociato, Tsonga subisce un break anche in avvio di terzo set. Federer vola 3-1, poi spreca tre occasioni per strappare di nuovo il servizio al francese sul 4-2; 0-40. Cassius Jo però non si arrende. Sotto 4-3 si guadagna la prima palla break del match ma affossa due risposte. E’ l’unico brivido per Roger che poco dopo chiude 6-4. Bello l’abbraccio tra i due a rete. Sconfitta onorevole per Tsonga che non ha nulla da rimproverarsi. Oggi Federer è stato davvero ingiocabile dal primo all’ultimo punto.
Ai quarti, mercoledì, altra grande sfida con Murray che regola in quattro il francese Robert. Poteva chiuderla prima lo scozzese che, dopo aver dominato i primi due set, spreca quattro match point nel terzo e si fa beffare al tie break. Rabbia e nervosismo svaniscono presto e nel quarto Andy si impone facilmente 6-2. Applausi comunque per Robert che da lucky looser è riuscito a raggiungere un traguardo insperato e imprevedibile.

Fatica più del previsto Nadal ma vince con Nishikori al termine di un match molto equilibrato durato oltre tre ore. 7-6; 7-5; 7-6 il punteggio per Rafa costretto, peraltro, a ricorrere all’aiuto del trainer per le vesciche e caduto rovinosamente a terra nel corso del secondo set senza, fortunatamente, nessuna grave conseguenza. Partita molto tirata. Parte bene Nadal nel primo set. Break immediato e 2-0. Nishikori però torna prontamente in scia, recupera lo svantaggio e può addirittura allungare 4-2 ma spreca l’occasione e capitola 7-3 al tie break. Nel secondo parziale è il nipponico a portarsi avanti di un break sul 2-2. Nadal soffre, sembra poco lucido ma Nishikori ha il demerito di contenere più che di attaccare. Risultato, controbreak di Rafa, 4-4, altro game poco efficace al servizio del giapponese sul 5-5 e anche il secondo set va in archivio. Il terzo ricalca quelli precedenti. Uno dei due contendenti, Nadal, va di nuovo in vantaggio di un break. Sembra tutto finito ma l’iberico, avanti 3-1, si distrae e con un doppio fallo rimette in partita l’avversario che ha addirittura l’opportunità di trascinare la partita al quarto andando a servire per il set sul 5-4. L’occasione però gli sfugge. Il braccino di Kei rimette subito in gioco Nadal che impatta e vince il tie break seguente con un altro 7-3. Non certo una prestazione da ricordare per il numero uno del mondo che, ai quarti, affronterà Dimitrov. Il bulgaro ha sconfitto in quattro lo spagnolo Bautista Agut, risultato che gli vale il primo quarto in carriera in un Major. Grigor ha fatto meglio della fidanzata, Maria Sharapova, eliminata, a sorpresa da Dominika Cibulkova 3-6; 6-4; 6-1.

Australian Open 2014: ottavi, i risultati di lunedi 20 gennaio

Dimitrov b. Bautista Agut 6-3; 3-6; 6-2; 6-4
Nadal b. Nishikori 7-6; 7-5; 7-6(3)
Murray b. Robert 6-1; 6-2; 6-7; 6-2
Federer b. Tsonga 6-3; 67-5; 6-4

Australian Open 2014: tabellone e risultati aggiornati

Australian Open 2014: ottavi - Lunedì 20 gennaio

Australian Open 2014: ottavi – Lunedì 20 gennaio

Australian Open 2014: programma lunedì 20 gennaio

Si completano gli ottavi di finale maschili agli Australian Open. Quattro i match in programma lunedì 20 gennaio. In campo Federer, Nadal e Murray.

Cominciamo dal match clou di giornata. Alle 9, ora italiana, la Rod Laver Arena sarà il teatro della sfida tra Federer e Tsonga che tornano a fronteggiarsi, a Melbourne, a un anno di distanza dal confronto di quarti di finale, vinto da Roger in cinque set. Partita aperta a ogni pronostico con il transalpino leggermente favorito. Entrambi finora hanno avuto un cammino davvero agevole senza perdere nemmeno un set. Contro Simon, Tsonga è stato davvero ingiocabile al servizio, fondamentale che, affiancato alla consueta esplosività atletica può creare non pochi grattacapi a Federer il quale, in passato, ha sofferto l’esuberanza del francese come dimostra la batosta rimediata, a maggio, al Roland Garros. Serve una prestazione deluxe all’elvetico atteso, in caso di qualificazione, da una settimana che potrebbe riservargli Murray ai quarti, Nadal in semi e Djokovic in finale. Forse troppo per lui.

Proprio Murray scenderà in campo all’alba (alle 6.30 ca.) contro il sorprendente Robert. Entrato in tabellone, lunedì scorso, al posto di Kohlschreiber infortunato, il 31enne francese, n°119 Atp, ha vinto tre partite e, oggi, non avrà nulla da perdere contro lo scozzese che dovrebbe imporsi, senza patemi in tre set. Nella nottata italiana (alle 4 circa), Nadal si gioca l’accesso ai quarti con Kei Nishikori. Debordante contro Monfils, Rafa parte ovviamente con i favori del pronostico, forte anche delle cinque vittorie in altrettanti precedenti con il nipponico che non è riuscito nemmeno a strappargli un set. Chi passa affronterà Dimitrov o Bautista Agut in campo alle 2 sulla Margaret Court Arena.

Foto © Getty Images – Tutti i diritti riservati

I Video di Blogo

Maria Sharapova torna in campo a Las Vegas

Ultime notizie su ATP Tour

Tutto su ATP Tour →