Super 10 – L’Aquila spicca il volo e presto atterrerà nell’elitè ovale

Le è sfuggito poco più di una settimana fa sul campo del Flaminio, sconfitta in finale di Serie A dal Prato, potrebbe ritrovarlo grazie alla Capitolina Roma. E’ il Super 10, il massimo campionato italiano, che manca da L’Aquila da due stagioni, ma che potrebbe tornare a essere realtà nei prossimi giorni. Almeno così dice

Le è sfuggito poco più di una settimana fa sul campo del Flaminio, sconfitta in finale di Serie A dal Prato, potrebbe ritrovarlo grazie alla Capitolina Roma. E' il Super 10, il massimo campionato italiano, che manca da L'Aquila da due stagioni, ma che potrebbe tornare a essere realtà nei prossimi giorni. Almeno così dice Claudio Tinari, presidente della società romana, sulle pagine de Il Corriere dello Sport "C'è una squadra che vuole fermarsi, la Capitolina, e una che vuole salire, L'Aquila".
Foto di Gianluca Giusti – http://www.snaptheworld.org

"I colloqui tra le due società proseguono e al momento stiamo studiando le regole federali che possano consentire il ritorno degli abruzzesi in Super 10 nel più breve tempo possibile". Continua Tinari, che quindi ufficializza ciò che molti prevedevano già prima della finale del Flaminio. L'Aquila, sconvolta dal terremoto di due mesi fa, tornerà presto a volare nell'elitè del rugby italiano, in quel Super 10 da cui manca da troppo tempo.
Da quel che si dice, poi, sembra che l'accordo non si limiti alla cessione dei diritti sportivi della Capitolina a L'Aquila, ma potrebbe essere l'inizio di una collaborazione che crei un polo ovale nel Centro Italia, rafforzando così la palla ovale nell'intero Bel Paese. Si parla, infatti, di una possibile gestione congiunta del settore giovanile, del passaggio di alcuni giocatori della Capitolina nelle fila de L'Aquila, così come l'utilizzo delle strutture romane in questo periodo ancora difficile per gli abruzzesi. Una soluzione temporanea, ovviamente, visto che lo stesso presidente de L'Aquila Pasqua ha voluto sottolineare come "La nostra volontà è di rimanere il più possibile vicini alla nostra città".