Omicidio-suicidio nel Cosentino: carabiniere uccide la moglie e si toglie la vita

Il militare ha ucciso la consorte a coltellate e si è tolto la vita con la pistola d’ordinanza.

Omicidio-suicidio in una villetta di Arcavacata di Rende, in provincia di Cosenza, una tragedia in famiglia avvenuta al termine di una violenta lite tra due coniugi, il 47enne Francesco De Vito, appuntato dei carabinieri, e sua moglie Fiorella Maugeri, 43 anni.

La dinamica è chiara e ricalca quella dei troppi femminicidio che vengono compiuti nel nostro Paese giorno dopo giorno. Lei vuole separarsi, lui non è troppo vigliacco per accettare la cosa e perde la testa. E’ quanto accaduto ieri: Fiorella Maugeri e il marito litigavano da tempo, da quando lei aveva deciso di separarsi.

Nel tardo pomeriggio di ieri, nella villetta di famiglia ad Arcavacata, l’ennesima lite si è fatta più aspra e il 47enne, in servizio presso la Compagnia di Paola, ha preso un coltello da cucina e si è avventato sulla donna, colpendola più volte.

Subito dopo, mentre la figlia 17enne della coppia, presente in casa al momento della tragedia, è scesa al piano di sotto richiamata dalle urla della madre, l’uomo ha preso la pistola di ordinanza e si è sparato.

Inutile il repentino arrivo dei soccorsi, chiamati proprio dalla giovane figlia della coppia: i due sono stati dichiarati morti sul posto. L’altro figlio della coppia, un ragazzo di 15 anni, si trovava fuori casa al momento della tragedia.

Foto | Facebook

I Video di Blogo

Gli ultimi minuti di vita di George Floyd