Basket NBA: Belinelli show, record di punti in carriera a Golden State

Belinelli segna 28 punti sul campo dei Warriors e guida la sua San Antonio al successo, priva dei suoi big three. Operazione di mercato per i Lakers.

Non ci sono i big three? Nessun problema, ci pensa Marco Belinelli. Parker è ancora fuori per una contusione, Popovich decide di lasciare a riposo Ginobili e Duncan nel classico turnover fatto in stagione, ma i San Antonio Spurs espugnano il campo dei Golden State Warriors. Il canestro decisivo è realizzato da Tiago Splitter, con un tap-in su rimbalzo offensivo a 2”1 dalla sirena finale, su un errore proprio del ‘Beli’, ma il grande protagonista del confronto è l’azzurro, autore della sua miglior prova della carriera, almeno dal punto di vista balistico.

Il bolognese chiude con 28 punti (suo massimo nell’NBA), 10/16 al tiro, 4/8 da tre punti, con anche due rimbalzi ed un assist, in 29 minuti di utilizzo. C’è anche tanta difesa, quella che non si vede nelle statistiche, ma fondamentale per portare a casa la vittoria, piuttosto inattesa viste le pesantissime assenze. Sono arrivate proprio da Marco le due scosse principali della partita: la prima nel primo quarto, dopo la partenza sprint di Golden State (arrivata anche a +14), la seconda nel terzo periodo, quando ha messo ben 15 punti in 6’ ed ha portato i suoi a +9.

Alla fine del match, ai microfoni della rete americana TNT, non ha parlato troppo della sua prestazione, ma si è concentrato sulla vittoria: “E’ stata una gara dura – ha detto il ‘Beli’ – non abbiamo mollato nel primo tempo, poi abbiamo difeso con maggiore aggressività e siamo stati premiati”. Intanto, parlando di mercato: i Lakers corrono ai ripari, dopo il nuovo stop per Kobe Bryant: la formazione californiana ha messo sotto contratto Kendall Marshall, playmaker ex Suns, proveniente dalla D-League.

I Video di Blogo

Ultime notizie su NBA

Tutto su NBA →