Che cos’è Tempora: il programma di sorveglianza elettronica britannico

600 milioni di dati telefonici raccolti ogni giorni clandestinamente, e poi condivisi con la controparte americana.

Il Datagate è tornato prepotentemente alla ribalta in questi ultimi giorni, soprattutto per le attività di spionaggio che la Nsa svolgeva anche nei confronti dell’Italia. Ma quello che è venuto fuori è che non erano solo gli Stati Uniti a coltivare queste abitudini, ma anche la Gran Bretagna, utilizzando un programma simile al Prism statunitense chiamato Tempora.

Il programma di sorveglianza elettronico clandestino è gestito dal GCHQ, Government Communications Headquarters, equivalente alla Nsa americana. Il primo test per questo programma si è visto nel 2008, mentre l’operatività è iniziata nel 2011. Un lavoro clandestino, svelato solo da Edward Snowden nel maggio 2013 contemporaneamente alla rivelazione del Datagate americano.

Il programma passa in rassegna 600 milioni di dati telefonici al giorno, filtrando il flusso di telefonate attraverso oltre 200 cavi in fibra ottica. I contenuti in questione sono conversazioni telefoniche, email, messaggi su Facebook e tutta l’attività online di qualsiasi utente. Tutto quello che è raccolto da Tempora è poi condiviso con la National Security Agency statunitense, comprese probabilmente anche le informazioni catturate in territorio italiano.

Ma come funzione Tempora? I componenti principali del programma sono due: Mastering the Internet e Global Telecoms Exploitation, il primo principalmente rivolto alle attività su internet e il secondo dedicato alle intercettazioni telefoniche. Il materiale di interesse è recuperato e processato da tempora attraverso fibre ottiche, i dati (il contenuto delle telefonate o delle email) vengono conservati per soli tre giorni, mentre i meta-dati (chi ha telefonato a chi, da dove, a che ora, ecc.) vengono conservati per 30 giorni.

Secondo quanto riportato dal Guardian, non viene fatta nessuna distinzione tra le intercettazioni nei confronti di specifici target o di privati cittadini, una pervasività tale da aver addirittura raccolto maggiori informazioni rispetto a quanto sia in grado di fare la sua controparte americana. Secondo alcuni l’unica possibilità affinché Tempora possa lavorare in questo modo è data da accordi segreti tra il GCHQ e aziende private che hanno accettato di collaborare, forse dietro compenso. E secondo quanto detto da Snowden, i dati raccolti venivano mascherati dallo staff proprio per evitare che si potesse capire quali compagnie collaboravano alle intercettazioni.