Agguato a Casavatore (Napoli): un morto e un ferito

Ucciso Ciro Cortese, presunto affiliato ai “girati” di via Vannella Grassi a Scampia. Grave un’altra persona.

Aggiornamento 28 aprile, ore 8:30. Il killer di Ciro Cortese, armato di pistola e con il volto coperto, secondo quanto ricostruisce Il Corriere del Mezzogiorno è entrato nel bar esplodendo due colpi contro l’uomo e contro Aldo Pezone, 41enne che secondo gli investigatori sarebbe legato anche lui al clan dei «girati». Pezone è tuttora ricoverato in ospedale in prognosi riservata: sarebbe in pericolo di vita. Gli inquirenti dopo il fatto di sangue di ieri temono un riaccendersi dalla faida di camorra tra Scampia e Secondigliano per il controllo delle piazze di spaccio.

27 aprile 2015

Agguato a Casavatore (Napoli) dove questa mattina un uomo di 37 anni, Ciro Cortese, è stato ucciso mentre un’altra persona, la cui identità non è ancora nota, è rimasta gravemente ferita ed è ora ricoverata all’ospedale San Giovanni Bosco.

Cortese secondo le prime informazioni era già noto alle forze dell’ordine per reati di droga e come riporta Il Mattino era ritenuto dagli investigatori un appartenente al clan di camorra dei “girati” di via Vannella Grassi a Scampia.

L’agguato è stato compiuto stamattina intorno alle 10:30 in via Galvani, nella vicinanze del bar “Gran caffè Vittoria”. Sull’omicidio indagano i carabinieri della compagnia di Casoria e di Casavatore.

La seconda persona colpita dai proiettili, Aldo Pezone, si sarebbe trovata solo al posto sbagliato nel momento sbagliato: nel mirino dei killer secondo chi indaga c’era solo Ciro Cortese.

(in aggiornamento)

Ultime notizie su Camorra

Tutto su Camorra →